Via Valorsa 14 - 23033 GROSIO (SO)
Telefono 0342.848465 - Fax 0342.1896044 - Cellulare 340.3843929
Mail info@ticertifico.it

Studio di Ingegneria "Ti Certifico"

Seguici su: cerca 'ticertifico' e rimani connesso!

Promotore commerciale dei servizi di Apave Italia CPM srl

SPECIALE PRIVACY: IN VIGORE IL GDPR!



4.76 / 5
122 recensioni

Leggi i feedback lasciati dai nostri Clienti!

28 novembre 2018

ABILITAZIONE ALLA CONDUZIONE DI TRATTORI AGRICOLI E FORESTALI GOMMATI E CINGOLATI: DA NOI I CORSI DI FORMAZIONE!

I lavoratori, titolari di azienda, soci, collaboratori familiari, dipendenti e autonomi che entro il 31/12/2017 abbiano maturato esperienza documentata nel settore agricolo con utilizzo di trattori per almeno 24 mesi (negli ultimi 10 anni) hanno l’obbligo di effettuare il corso di aggiornamento da 5 ore entro il 31/12/2018.

Le date in programma sono:

  • 10 dicembre dalle ore 8 alle ore 13;
  • 15 dicembre dalle ore 8 alle ore 13.

    Contattaci per saperne di più!



    19 ottobre 2018

    ECOBONUS: CONFERMATO FINO A FINE 2019, MA L'INCENTIVO SCENDE DAL 65% AL 50%!

    L'ecobonus viene prorogato di un anno, ma l'incentivo scende dal 65% al 50%.

    E' prevista la "proroga al 31 dicembre 2019 della detrazione per gli interventi di efficienza energetica (da suddividere in 10 quote annuali), ma in misura inferiore per alcuni interventi:

    50% invece che 65% per sostituzione di infissi, schermature solari, impianti di climatizzazione invernale tramite caldaie a condensazione e a biomassa".

    Confermata fino a fine 2019 la detrazione al 50% per gli interventi di ristrutturazione edilizia così come il bonus per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici e la detrazione al 36% per interventi di cura.

    Non esitare a contattarci per qualsiasi chiarimento!



    12 ottobre 2018

    FORMAZIONE: DA NOI CORSO DI AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO PER GESTORI DELLE SALE GIOCHI E DEI LOCALI CON APPARECCHIATURE PER IL GIOCO D'AZZARDO LECITO

    I gestori delle sale da gioco e dei locali con installate le apparecchiature per il gioco d’azzardo lecito devono frequentare periodicamente un corso di aggiornamento sui temi legati al gioco d'azzardo patologico (GAP).

    L'obbligo formativo deve essere assolto entro il 31 dicembre 2018 per i soli gestori che, nel corso del 2015, hanno concluso con esito positivo i corsi base obbligatori.

    La possibilità di rinnovo è per il 03 dicembre dalle ore 8.30 alle ore 10.30.

    Non esitare a iscriverti!



    05 ottobre 2018

    TOCCA FERRO: SERATA INFORMATIVA GRATUITA SULLA REDAZIONE DEL TESTAMENTO

    E' in programma per il 26 ottobre una serata informativa e gratuita sull'importanza della redazione del testamento.

    Clicca qui per saperne di più!

    TOCCA FERRO e non esitare a partecipare: ti aspettiamo! :)

    Per motivi di organizzazione ti chiediamo gentile prenotazione. Grazie...



    28 settembre 2018

    DETRAZIONI FISCALI: NELLA LEGGE DI BILANCIO 2019 PROROGA TRIENNALE ED ECOPRESTITO

    La legge di Stabilità 2019 potrebbe contenere la proroga di tutte le detrazioni fiscali per i lavori in casa.
    Il bonus ristrutturazioni, il bonus mobili e l'ecobonus potrebbero essere in vigore fino al 31 dicembre 2021.

    Secondo quanto dichiarato dal presidente della commissione Industria del Senato, Gianni Girotto, "I bonus casa storicamente vengono prorogati solo di anno in anno.
    Questo non dà una prospettiva certa a cittadini e imprese.
    Noi, invece, vogliamo dare un orizzonte temporale più ampio, che arrivi fino al 2021".

    Nella legge di bilancio 2019 potrebbe entrare anche l'ecoprestito, una sorta di prestito a tasso agevolato che sarà concesso da un soggetto pubblico, per avviare le opere di ristrutturazione o riqualificazione energetica.

    Ma la proroga avrà un prezzo.
    Le aliquote sulle detrazioni, infatti, potrebbero andare a diminuire di anno in anno.
    Ad esempio, per gli interventi di riqualificazione energetica si potrebbe passare dal 65% per il primo anno, al 63% o al 60%.

    Ti terremo aggiornato!



    27 settembre 2018

    ATTENZIONE! RESTRIZIONI PER I GENERATORI DI CALORE A BIOMASSA LEGNOSA E A PELLET

    Giro di vite sulle emissioni nell'ambito delle nuove misure per il miglioramento della qualità dell’aria:

    in Lombardia, dall'1 ottobre, è fatto divieto di nuova installazione di generatori di calore alimentati da biomassa legnosa con prestazioni emissive inferiori a quelle individuate dalla d.g.r. 5656 del 3 ottobre 2016.

    Clicca qui per saperne di più e contattaci per ogni chiarimento!



    26 settembre 2018

    PRIVACY: GDPR e sanzioni amministrative

    Il Decreto Legislativo n.101/2018 è entrato pienamente in vigore il 19 settembre.

    Negli 8 mesi seguenti il Garante della Privacy dovrà, in sede di applicazione di sanzioni amministrative, tener conto delle difficoltà iniziali riscontrate da privati e imprese nell’adeguamento alle disposizioni contenute nel GDPR.

    Si erano rincorse voci riguardanti la possibile completa sospensione delle sanzioni amministrative per il periodo immediatamente successivo all’entrata in vigore, ma il testo definitivo pubblicato in Gazzetta Ufficiale si esprime così: “Per i primi otto mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, il Garante per la protezione dei dati personali tiene conto, ai fini dell’applicazione delle sanzioni amministrative e nei limiti in cui risulti compatibile con le disposizioni del Regolamento (UE) 2016/679, della fase di prima applicazione delle disposizioni sanzionatorie.”

    È ipotizzabile che, in caso di violazioni di entità moderata, il Garante si limiterà, nella prima fase, a dei provvedimenti correttivi.

    Le sanzioni amministrative saranno invece di due tipi:

  • una multa fino a 10 milioni di euro (per le imprese: fino al 2 % del fatturato mondiale totale annuo dell’esercizio precedente, se superiore) per le violazioni di entità non grave;
  • una sanzione fino a 20 milioni di euro (per le imprese: fino al 4 % del fatturato mondiale totale annuo dell’esercizio precedente, se superiore), per le violazioni gravi.

    Se non ti sei ancora adeguato, non esitare a contattarci: ti daremo tutte le informazioni che desideri!



    18 settembre 2018

    PRIVACY: DA DOMANI ENTRATA IN VIGORE DEL D. LGS 101/2018!

    Da domani entra in vigore il D. Lgs n. 101/2018 di armonizzazione del codice GDPR che va ad integrare la norma europea circa i diritti dei minori e dei defunti, i codici di deontologia e la ridefinizione delle norme penali, abrogando e modificando diverse disposizioni del Codice della privacy (D. Lgs. 196/2003).

    Professionisti ed imprese che si adeguano in ritardo alle nuove regole sulla privacy rischiano sanzioni fino a 20 milioni di euro o il 4% del fatturato totale.

    Se non ti sei ancora adeguato, non esitare a contattarci: ti daremo tutte le informazioni che desideri!



    14 settembre 2018

    IN PARTENZA DA NOI CORSI OSS E RIQUALIFICAZIONE ASA-OSS!

    Presso la nostra sede di Grosio saranno attivati i corsi:

  • Operatore Socio Sanitario (OSS)
  • Riqualificazione ASA in OSS

    a partire da novembre 2018!

    Contattaci il prima possibile: ti daremo tutte le informazioni che desideri!

    Non perdere questa occasione di crescita lavorativa!

    Corsi OSS e Riqualificazione ASA-OSS



    22 luglio 2018

    ATTENZIONE! POSSIBILE CAMBIO NETTO DEL SISTEMA DELLE AGEVOLAZIONI FISCALI

    Nei prossimi mesi l’Ecobonus - ovvero l’insieme di agevolazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica - potrebbe essere stravolto.
    Se la bozza di decreto che il Ministero dello Sviluppo economico ha realizzato venisse confermata, le spese massime entro le quali beneficiare dell’Ecobonus verrebbero nuovamente riviste.
    Verrebbero infatti introdotte anche dei tetti di spesa per ogni singolo intervento, che si vanno ad aggiungere alle soglie previste per il complesso degli investimenti.
    Quindi a seconda delle situazioni la soglia massima per portare in detrazione un singolo intervento può dipendere o dai metri quadrati dell’edificio oppure dai kW; di conseguenza, la quota di spesa che supererà questa soglia non potrà essere detratta ai fini Irpef.
    I nuovi massimali saranno 28, la maggior parte dei quali dipende dai metri quadrati dell’edificio.
    Ad esempio, sarà così per gli infissi per i quali si potrà portare in detrazione al 50% il costo sostenuto fino ad un massimo di 350€ (o 450€ a seconda della zona in cui è collocato) per ogni metro quadrato.
    MOLTO MENO DI QUANTO SI DETRAE ORA.
    Sarà così anche per le schermature solari, detraibili sempre al 50% ma entro un limite di 180€ per metro quadrato.
    Il tetto massimo di spesa per l’intervento unitario dipenderà dai metri quadrati dell’edificio anche per altri interventi di riqualificazione energetica come ad esempio per l’isolamento di pavimenti e pareti.
    Discorso differente per chi acquista caldaie a condensazione, pompe di calore o generatori di calore a biomasse: in questo caso, infatti, la soglia massima dipenderà dai kW del prodotto. Conviene quindi affrettarsi negli interventi, con pagamenti entro il 31 dicembre 2018!



    25 maggio 2018

    Entra in vigore il nuovo Regolamento Privacy

    Sei pronto per l'entrata in vigore il nuovo GDPR, il regolamento sulla privacy che va a cambiare gli adempimenti per le Aziende?

    Clicca qui per maggiori informazioni



    13 aprile 2018

    NUOVO BONUS UNICO CONDOMINI PER IL 2018

    Dal 2018, per effetto di un emendamento PD presentato ed approvato con la Legge di Bilancio 2018, entra in vigore il bonus
    unico condomini 2018, ossia, una detrazione fiscale per le spese relative agli interventi su parti comuni di edifici
    condominiali ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3 qualora finalizzati contemporaneamente alla riduzione del rischio sismico
    + riqualificazione energetica

    Se quindi gli interventi eseguiti determinano:
    • il passaggio ad 1 una classe di rischio: la detrazione è all'80%;
    • il passaggio a due classi di rischio inferiore: la detrazione è pari all'85%.
    • spesa massima non superiore i 136mila euro.

    BonusUnicoCondomini



    20 marzo 2018

    COME OGNI AUTO ANCHE LA TUA AZIENDA VA CONTROLLATA!

    Ogni quanto fai controllare il funzionamento di freni, olio, pressione gomme ecc?

    Mentre per la tua azienda, quando hai fatto l’ultimo check-up?
    Immagina che la tua azienda sia come la tua auto, ogni quanto fai una diagnosi della situazione?
    Se NON ti dedichi a risolvere i problemi e a migliorare alcuni aspetti perderai il controllo.

    Con il passare del tempo non sarai più capace di gestire la Tua azienda e, di conseguenza, anche i tuoi collaboratori si sentiranno confusi, i clienti insoddisfatti e i tuoi guadagni ne risentiranno drasticamente.

    Lo sapevi che esistono “meccanici” specializzati in grado di fare un check-up alla tua azienda?

    Prenota on line il tuo check-up aziendale
    CheckUpAzienda



    6 marzo 2018

    TESTAMENTO: PERCHE' E' IMPORTANTE

    Fare testamento non rientra nella nostra cultura.
    Esso è strettamente associato all'idea della morte, perciò si pensa che vada fatto solo ad età avanzata.
    Invece un testamento fatto anche da giovane può risolvere molti problemi.
    Infatti esso tutela i diritti di chi amiamo e costituisce anche un modo per prevenire litigi tra gli eredi nell'attribuire un valore condiviso ad un dato immobile ereditato.
    Nel testamento si può poi procedere alla divisione ereditaria con notevoli risparmi anche da un punto di vista fiscale.
    Nel caso in cui una persona non esprima alcuna volontà testamentaria, i suoi eredi sono individuati direttamente dalla Legge.

    Hai dei dubbi? Contattaci! Siamo a tua disposizione
    Testamento



    9 febbraio 2018

    CONTO TERMICO 2.0 UN’OPPORTUNITÀ PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

    Il Conto Termico finanzia fino al 65% delle spese sostenute per gli interventi di manutenzione sull'involucro e sugli impianti degli edifici che ne incrementano l'efficienza energetica.

    Tra gli interventi che permettono l'accesso agli incentivi sono inclusi:
    • il miglioramento dell'isolamento termico dell'involucro edilizio;
    • la sostituzione di infissi e pannelli vetrati con altri a minor dispersione termica e introduzione di schermature;
    • la sostituzione dei sistemi per l'illuminazione con sistemi più efficienti;
    • la sostituzione dei sistemi per la climatizzazione con tecnologie ad alta efficienza;
    • la produzione di energia termica da fonti rinnovabili;
    • l'introduzione di sistemi avanzati di controllo e gestione dell'illuminazione e della ventilazione.

    Per la trasformazione di edifici esistenti in edifici a energia quasi zero (nZeb), il contributo arriva al 65% anche per eventuali spese di demolizione e adeguamento sismico.

    Il meccanismo copre in ogni caso il 100% dei costi della Diagnosi Energetica effettuata per determinare gli interventi da eseguire ed è compatibile con altri finanziamenti pubblici (purchè non statali), a patto che la somma dei contributi pubblici non superi il 100% del costo degli interventi.

    Gli interventi devono essere realizzati utilizzando esclusivamente apparecchi e componenti di nuova costruzione e devono essere correttamente dimensionati in funzione dei reali fabbisogni di energia termica.

    Per maggiori informazioni non esitare a contattarci!
    ContoTermico2.0



    16 gennaio 2018

    BONUS RISTRUTTURAZIONE VS ECOBONUS

    L’entrata in vigore della Legge di Bilancio 2018 ha ridotto dal 65% al 50%. l’ecobonus per la sostituzione di finestre, caldaie non evolute e schermature solari. Poiché la detrazione prevista dal nuovo ecobonus è la stessa prevista dal bonus ristrutturazione, molti si sono chiesti le differenze tra le due agevolazioni.

    Tra gli interventi per cui si pone la scelta tra bonus ristrutturazione ed ecobonus ci sono:
    - sostituzione di serramenti;
    - sostituzione di caldaie a biomassa e caldaie a condensazione in classe A (senza sistemi intelligenti di termoregolazione).

    Per l’acquisto e la posa in opera di schermature solari, invece, l’ecobonus è l’unica strada percorribile.

    La differenza principale tra bonus ristrutturazione ed ecobonus consiste nella platea dei beneficiari; il primo consiste in una detrazione irpef del 50% e interessa solo i privati. Inoltre sono coinvolti unicamente gli immobili residenziali. L’ecobonus, invece, è anche una detrazione Ires, oltre che Irpef, e quindi coinvolge anche i contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali) e le associazioni tra professionisti. Inoltre, possono accedere al beneficio gli edifici esistenti di tutte le categorie catastali (anche rurali e strumentali) su cui vengono effettuati lavori di efficientamento energetico.
    Di conseguenza, l’ecobonus (anche se ridotto rispetto agli anni precedenti) rimane l’unica agevolazione a cui possono accedere le imprese mentre i privati hanno la possibilità di scegliere tra le due agevolazioni nel caso di immobili residenziali o sfruttare l’ecobonus per edifici non residenziali.

    Il bonus ristrutturazione (che non vale in caso di lavori di manutenzione ordinaria) ha un limite di spesa complessivo di 96 mila euro; i singoli interventi edilizi effettuati (sostituzione finestre, realizzazione di divisioni interne, ecc) non hanno un autonomo limite di spesa, ma rientrano nel limite previsto per l’unità abitativa.
    Optando per l’ecobonus, che ha tetti massimi e percentuali della detrazione dedicate per ogni intervento (ad esempio la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale ha 30.000 euro come tetto massimo di detrazione, l'acquisto e posa in opera delle schermature solari 60.000 euro ecc), chi fa lavori rilevanti evita di “sforare” i 96mila euro previsti dal bonus ristrutturazione e può godere del beneficio ottenuto dalla somma dei due plafond.

    Inoltre, da quest’anno i soggetti beneficiari dell’ecobonus possono optare per la cessione del credito di imposta corrispondente alla spettante quota di detrazione ai fornitori che hanno effettuato gli interventi o ad altri soggetti privati, tranne che alle banche o ad altri intermediari finanziari. Tale opzione non è prevista per chi gode del bonus ristrutturazione.



    14 dicembre 2017

    RITORNA L’ECOBONUS PER LE CALDAIE AL 65%

    Con un emendamento alla manovra, approvato dalla commissione Bilancio della Camera, la detrazione torna al 65% per le caldaie di classe A con valvole evolute, mentre viene fissata al 50% per le caldaie di classe A semplice. Dalla classe B, invece, non c'è alcuno sgravio.

    Il firmatario dell'emendamento, Antonio Misiani, ha spiegato come la novità "può garantire un equo sostegno a tutte le tecnologie per la climatizzazione invernale che concorrono a un processo di decarbonizzazione sostenibile: pompe di calore, caldaie a condensazione di ultima generazione, apparecchi ibridi; restringere il campo degli interventi che potranno beneficiare dell'incentivo con l'applicazione ai soli apparecchi che presentano standard tecnici ben al di sopra dei limiti di legge previsti".



    31 ottobre 2017

    BONUS ENERGIA RINNOVATO ANCHE PER IL 2018

    Arriva una proroga di un anno per il bonus energia e per quelli relativi alle ristrutturazioni energetiche e all’acquisto di mobili.
    Ma il piatto delle agevolazioni si arricchisce di uno sconto ad hoc, del 36% per una spesa fino a 5.000 euro, per la sistemazione a verde di aree scoperte di edifici e immobili esistenti. Lo sconto è previsto anche per impianti di irrigazione e la realizzazione di pozzi, copertura a verde e giardini pensili.
    Scende dal 65% al 50% il bonus energia per infissi, schermi solari, sostituzione impianti climatizzazione.



    20 ottobre 2017

    NOVITÀ BONUS VERDE

    Novità per il 2018, chi realizza interventi di ristrutturazione che creano nuove aree verdi urbane o recuperano quelle già esistenti avrà diritto a un bonus fiscale.
    La detrazione è del 36% per le spese destinate a terrazzi e giardini, rendendoli più curati e belli con nuove piante, ma anche con sistemi d'irrigazione.
    E'valido sia per gli spazi verdi privati che condominiali, oltre che per i giardini di interesse storico.
    Si tratta di una detrazione simile a quella per le ristrutturazioni edilizie e per l'acquisto di elettrodomestici, che permette di richiedere il rimborso dei costi sostenuti fino a 5mila euro.

    https://it-it.facebook.com/ticertifico/



    02 ottobre 2017

    DETRAIBILITÀ TOTALE PER LA DIAGNOSI SISMICA DEGLI EDIFICI

    Tra le novità in cantiere per la prossima Legge di Bilancio, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio ha proposto “la totale detraibilità della diagnosi sismica degli edifici”.

    Il Ministro ha affermato: “Ogni anno si spendono più di 3 miliardi di euro per mettere in ordine i danni da terremoti; adesso mettiamo a disposizione centinaia di milioni per la prevenzione”. Ha poi sottolineato: “Dato che una casa a rischio sismico, rappresenta un rischio per sé stessi e per gli altri, noi dobbiamo prima di tutto classificarla”.

    Parte da questo presupposto la proposta di rendere completamente detraibile la diagnosi sismica degli edifici, al momento la diagnosi sismica è detraibile solo se contestuale al lavoro di adeguamento o miglioramento antisismico.

    Delrio ha poi continuato: “L'Ecobonus e il Sismabonus sono già disponibili e gli italiani devono investire molto su questa misura che il governo ha messo in campo, perché valorizza sia la sicurezza che la casa.
    Questo perché il nostro territorio - ha evidenziato - è molto fragile, in quanto ci sono case dove non andavano costruite, per la sua conformazione,per la sua storia, con il 75% degli edifici risalenti a prima delle norme sismiche: se riusciamo a far decollare questi strumenti cambiamo la storia di questo Paese.
    Così come per il bonus per le ristrutturazioni, che è stato usato dal 55% delle famiglie italiane - aggiunge - confidiamo davvero che tanti italiani usino questa misura allo stesso modo".



    22 settembre 2017

    ULTIMI MESI PER LE DETRAZIONI FISCALI ?

    Salvo variazioni dell’ultimo minuto, nella prossima Legge di Bilancio, le detrazioni per le ristrutturazioni edilizie non ci saranno nel 2018.

    Attenzione però, non sparirà del tutto la possibilità di portare in detrazione le spese sostenute per interventi di riqualificazione immobiliare, ma l’incentivo verrà ridimensionato.

    Come noto, la Legge di Bilancio 2017 ha previsto che per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2017 i contribuenti potessero portare in detrazione del 50% il costo degli interventi di ristrutturazione effettuati nel limite massimo di 96.000 euro.

    A partire dal 1° gennaio 2018, attualmente non è prevista alcuna proroga, il bonus sui lavori di ristrutturazione come lo conosciamo oggi verrà sostituito dalla detrazione fiscale pari al 36% ed entro il limite di spesa di 48.000 euro, con la possibilità di un rimborso fino a 17.280 euro.

    Stessa sorte anche per le detrazioni per il risparmio energetico, che senza un’ulteriore proroga passeranno dal 65% al 36% salvo per la parte relativa ai condomini, che avrà la sua scadenza naturale al 31 dicembre 2021.

    Resterà invece in vigore fino al dicembre 2021 il cosiddetto Sismabonus, la detrazione per la riduzione del rischio sismico degli immobili, estesa anche agli interventi in parti comuni del condominio.
    Una norma a lungo termine appositamente creata per ridurre al minimo le conseguenze di un evento sismico in un Paese come l’Italia che è ad alto rischio.



    1 settembre 2017

    NUOVA NORMA PER LA VENDITA DI IMMOBILI !

    Dal 29 agosto, in seguito alla pubblicazione della “Legge annuale per il mercato e la concorrenza”, è in vigore il deposito del prezzo al notaio.

    Secondo quanto previsto dalla norma, le parti o anche una di loro potrà richiedere al notaio di aderire al Deposito del prezzo: in questo caso il pubblico ufficiale al momento del trasferimento immobiliare tratterrà la somma pattuita per la compravendita e la depositerà su un apposito conto corrente fino alla trascrizione del trasferimento dell’immobile.
    Gli interessi maturati sul conto non saranno incassati dal proprietario, ma dallo Stato Italiano, che li destinerà ad un fondo per le piccole e medie imprese.

    La Fiaip (Federazione italiana agenti immobiliari professionali) tramite una nota ha commentato l’entrata in vigore del deposito del prezzo al notaio parlando di una legge che crea disparità tra le parti.

    La norma varata nel 2013, fino ad oggi non aveva mai trovato esecuzione per la forte opposizione della Fiaip e di tutta la filiera dell’immobiliare.



    10 agosto 2017

    ATTENZIONE AGLI ACCERTAMENTI SUI FABBRICATI RURALI !

    L'agenzia delle Entrate prosegue l'attività di accertamento dei fabbricati rurali che risultano censiti ancora al catasto Terreni e ha avviato una campagna di sensibilizzazione per permettere agli intestatari catastali di questi immobili di regolarizzare la propria posizione.
    I proprietari che avessero ricevuto l’avviso sono tenuti a presentare una dichiarazione di aggiornamento catastale e potranno beneficiare dell'istituto del ravvedimento operoso, con un notevole risparmio sulle sanzioni che si riducono fino a € 172.

    Siamo a tua disposizione!

    Per eventuali aggiornamenti catastali o approfondimenti, non esitare a contattarci: come sempre il preventivo è gratuito e sono garantiti tempi rapidi nell’espletazione delle pratiche.



    13 luglio 2017

    ENGLISH CAMP 2017: A SPASSO NEL TEMPO A VALDISOTTO

    C’era una volta un gruppo di bambini e ragazzi che, capitanati da Caitilin, Patricia, Maria, 3 balde tutor, e da Ludovica, Maddalena, Alice e Laura, 4 intraprendenti stagiste, iniziarono un emozionante viaggio nel tempo a bordo di una tecnologica time machine.
    Solo due regole: rispettare i compagni di avventura e… parlare unicamente in inglese!

    La macchina del tempo partì il 26 giugno 2017 dall’accogliente Scuola di Valdisotto messa a disposizione dall’Amministrazione Comunale.
    Il viaggio fu l’occasione per far crescere la personalità dei ragazzi in modo armonico, comunicando attraverso una varietà di linguaggi, nello spirito di gruppo, per prepararli ad una dimensione europea e per stimolarli a scoprire il mondo attraverso l’inglese.
    La Cooperativa Ardesia pensò a rifocillare i coraggiosi avventurieri con pranzetti succulenti che garantirono le energie necessarie ad affrontare le attività organizzate (watering day, circle songs, family fun day, fashion, talent e final show!).

    Il 07 luglio 2017 il viaggio terminò, ma l’entusiasmo dei partecipanti e la voglia di rivedersi nel presente rimasero e ci si diede appuntamento alla prossima peripezia a spasso nel tempo!

    Si ringraziano Lingue Senza Frontiere srl, Comune di Valdisotto, Cooperativa Ardesia per la fattiva collaborazione.

    Ci vediamo l'anno prossimo! ;)

    Eccoci QUI sulla Stampa Locale!

    VISITA il nostro SITO cliccando QUI e metti il TUO 'MI PIACE' ;)

    Grazie da tutti noi!



    26 giugno 2017

    Servizio di Taratura della Protezione di Interfaccia: da noi puoi trovarlo!

    Ti segnaliamo che è attivo il Servizio di Taratura della Protezione di Interfaccia come da Delibera 786/2016.

    Il 22 dicembre 2016 l'Autorità per l'Energia Elettrica, il Gas e il Servizio Idrico ha emanato la nuova delibera 786/2016 che fa chiarezza sulle scadenze della taratura delle protezioni di interfaccia, per tutti gli impianti di produzione energetica compresi quelli da fonti rinnovabili con potenza nominale superiore a 11kW.

    La delibera si è resa necessaria a seguito dei recenti aggiornamenti delle norme tecniche CEI 0-21 per impianti connessi in bassa tensione e CEI 0-16 che hanno confermato l'obbligo di taratura delle protezioni di interfaccia installate come componenti non integrati negli inverter.

    La delibera chiarisce le scadenze per effettuare le tarature delle protezioni di interfaccia sul campo per tutti gli impianti già in esercizio all'entrata in vigore della delibera.
    In particolare evidenzia 4 scadenze differenti a seconda della data di entrata in esercizio degli impianti come segue:

  • Per impianti entrati in esercizio dopo il 1 agosto 2016 le verifiche devono essere effettuate entro 5 anni dall’entrata in esercizio
  • Per impianti entrati in esercizio dal 1 luglio 2012 fino al 31 luglio 2016 le verifiche devono essere effettuate entro 5 anni dall’entrata in esercizio o dall’ultima taratura effettuata e comunque non oltre il 31 marzo 2018
  • Per impianti entrati in esercizio dal 1 gennaio 2010 fino al 30 giugno 2012 le verifiche devono essere effettuate entro 5 anni dall’ultima taratura effettuata e comunque non oltre il 31 dicembre 2017
  • Per impianti entrati in esercizio prima del 31 dicembre 2009 le verifiche devono essere effettuate entro 5 anni dall’ultima taratura effettuata e comunque non oltre il 30 settembre 2017

    L'esito della verifica dovrà essere comunicata al Gestore di Rete che procederà a darne evidenza al GSE per gli impianti titolari di convenzioni per le tariffe incentivanti, lo scambio sul posto o il ritiro dedicato.

    La delibera chiarisce inoltre che qualora non si proceda ad adeguarsi alla delibera entro le scadenze riportate il GSE procederà al blocco dell'erogazione dei contributi di tutte le convenzioni sia per gli incentivi che per la cessione di energia.

    Clicca... QUI per saperne di più e non esitare a contattarci!

    VISITA il nostro SITO cliccando QUI e metti il TUO 'MI PIACE' ;)

    Grazie da tutti noi!



    13 giugno 2017

    Videosorveglianza e impianti d’allarme: il bonus è al 100%

    L'Agenzia delle Entrate ha chiarito con una circolare che sarà del 100% il credito di imposta concesso a chi ha installato nel 2016 impianti di videosorveglianza o ha sostenuto spese per sistemi di vigilanza e sicurezza "per la prevenzione di attività criminali" e ha presentato domanda per l'agevolazione entro lo scorso 20 marzo.
    L'importo pagato verrà interamente rimborsato attraverso una detrazione fiscale.

    L'Agenzia delle Entrate effettuerà però dei controlli automatizzati:
    nel caso in cui il contribuente non abbia presentato l'istanza di attribuzione del credito d'imposta entro i termini previsti, o se l'importo del credito utilizzato in compensazione risultasse superiore all'ammontare del credito spettante, il modello F24 verrà scartato.

    Rimaniamo a disposizione per qualsiasi chiarimento.

    Ti invitiamo intanto a visitare il nostro profilo FACEBOOK cliccando... QUI e a mettere il tuo 'mi piace'.

    Grazie da tutti noi!



    26 maggio 2017

    Presentazione incentivi (Conto Termico 2.0 - Detrazioni fiscali 50% e 65%) presso la sede di Idrosanitaria spa

    Lo scorso 19 maggio, presso la sede di Bianzone di Idrosanitaria spa, abbiamo partecipato alla serata di presentazione dei prodotti SOLARFOCUS illustrando gli incentivi legati all'installazione di impianti termici alimentati a biomassa e impianti solari termici: CONTO TERMICO 2.0 – DETRAZIONI FISCALI DEL 50% e del 65%.

    Convinti che solo insieme si possa produrre la miglior energia, ringraziamo Idrosanitaria spa e SOLARFOCUS per averci scelti come partner tecnico nella serata di presentazione dei propri prodotti.

    Scarica il pieghevole



    09 maggio 2017

    Vendita di immobile con prestazioni energetiche difformi rispetto all'A.P.E.: è truffa contrattuale!

    Incorre nel reato di truffa contrattuale chi vende un immobile con prestazioni energetiche non corrispondenti a quelle dichiarate nell'A.P.E. (Attestato di Prestazione Energetica).

    Lo ha affermato la seconda sezione panale della Corte di Cassazione nella sentenza n. 16644/2017 pubblicata il 4 aprile.
    Nel caso in esame, la Corte di appello di Milano aveva inizialmente assolto l'imputato dal reato di truffa contrattuale.
    Era stata contestata la vendita di un immobile con caratteristiche diverse da quelle dichiarate con riguardo alla definizione della categoria energetica.

    Contro tale sentenza ha proposto ricorso per cassazione il difensore della parte civile.

    La Cassazione ha giudicato fondato il ricorso e la suprema Corte ha annullato la sentenza impugnata con rinvio al giudice civile competente per valore in grado di appello.

    Rimaniamo a disposizione per qualsiasi approfondimento.



    27 marzo 2017

    SEMINTERRATI: Legge regionale in Lombardia per il loro recupero

    La proposta di Legge vuole facilitare la ristrutturazione di ciò che già esiste, ma che non viene sfruttato, consentendo di recuperare i seminterrati per un uso abitativo, commerciale o terziario.

    Con l’approvazione di questa Legge si persegue un duplice obiettivo:
  • la regolarizzazione, rendendoli abitabili, di seminterrati, spesso utilizzati oggi come taverne o magazzini o come stanze di lavoro e studio;
  • una nuova spinta al settore edile, tuttora ancora pesantemente condizionato dalla crisi economica.

    Il tutto senza nuovo consumo di suolo e con interventi mirati al contenimento dei consumi energetici.

    Siamo a disposizione per ulteriori approfondimenti e per analizzare insieme a te la tua situazione...

    Contattaci!



    24 gennaio 2017

    Catasto: online il software di compilazione per volture catastali e dichiarazioni di successione

    L’Agenzia delle Entrate compie un ulteriore passo verso la semplificazione e la digitalizzazione.

    Da oggi la dichiarazione di successione può essere infatti presentata direttamente da casa, tramite i servizi telematici delle Entrate.

    È infatti disponibile sul sito internet dell’Agenzia il software di compilazione SuccessioniOnLine, con il quale i contribuenti in possesso del codice Pin possono compilare e inviare la dichiarazione dal proprio PC.

    La presentazione telematica vale anche come domanda di volture catastali e non sarà quindi più necessario rivolgersi agli Uffici provinciali-Territorio dell’Agenzia delle Entrate per perfezionare la pratica.

    Fino al 31 dicembre 2017, in alternativa all’utilizzo del modello SuccessioniOnLine, sarà però possibile continuare a presentare presso l’ufficio competente dell’Agenzia la dichiarazione di successione utilizzando il vecchio modello in formato cartaceo.

    Dal 1° gennaio 2018, invece, la via telematica diventerà l’unica percorribile.

    Siamo a disposizione per ulteriori approfondimenti...



    20 gennaio 2017

    Catasto: sul sito dell'Agenzia delle Entrate l'elenco dei fabbricati rurali irregolari

    L’elenco dei fabbricati rurali che risultano ancora censiti nel Catasto terreni è disponibile sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate dal 18 gennaio 2017.

    L’Agenzia ricorda che i titolari di diritti reali sugli immobili rurali hanno l’obbligo di dichiararli al Catasto fabbricati.

    Sono previste sanzioni ridotte per la regolarizzazione spontanea.

    Il proprietario, avvalendosi di un professionista tecnico abilitato, dovrà presentare agli uffici dell’Agenzia l’atto di aggiornamento cartografico (Pregeo) e la dichiarazione di aggiornamento del Catasto fabbricati (Docfa).

    Si ricorda che sono esclusi dall’obbligo di accatastamento i seguenti fabbricati:

  • manufatti con superficie coperta inferiore a 8 metri quadrati;
  • serre adibite alla coltivazione e alla protezione delle piante sul suolo naturale;
  • vasche per l’acquacoltura o di accumulo per l’irrigazione dei terreni;
  • manufatti isolati privi di copertura;
  • tettoie, porcili, pollai, casotti, concimaie, pozzi e simili, di altezza utile inferiore a 1,80 metri e di volumetria inferiore a 150 metri cubi;
  • manufatti precari, privi di fondazione, non stabilmente infissi al suolo;
  • fabbricati in corso di costruzione o di definizione;
  • fabbricati che presentano un accentuato livello di degrado (collabenti).

    Contattaci per verificare GRATUITAMENTE la tua situazione.



    16 gennaio 2017

    Contabilizzazione del calore: niente proroga in Lombardia

    Si precisa che la proroga relativa all'obbligo di installazione dei contabilizzatori di calore NON ha effetto in Regione Lombardia.
    La scadenza del 31.12.2016 è prevista sia per l'obbligo di installazione che per la decorrenza delle sanzioni.

    L'eventuale proroga della scadenza per l'installazione dei dispositivi per la termoregolazione e la contabilizzazione del calore può essere disposta solo con legge regionale.

    Rimaniamo a disposizione per ulteriori informazioni.



    10 gennaio 2017

    Ecobonus 50%-65%: conferme e novità!

    La Legge di Bilancio ha confermato per tutto il 2017:

  • la DETRAZIONE 65% per le “riqualificazioni energetiche”
  • la DETRAZIONE 50% per le “ristrutturazioni edilizie” e gli interventi finalizzati al risparmio energetico
  • il BONUS MOBILI per l'acquisto di modili e grandi elettrodomestici di classe energetica elevata

    Introdotte però anche alcune novità...

  • La detrazione 65% è stata prorogata fino al 31 dicembre 2021 per interventi nelle parti comuni degli edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari;
  • prorogata invece al 31 dicembre 2017 la possibilità per soggetti incapienti di optare per la cessione di credito ai fornitori che hanno effettuato l'intervento;
  • infine, per specifici interventi di riqualificazione energetica delle parti comuni condominiali, condomini e Istituti Autonomi per le case popolari potranno contare su agevolazioni più elevate: 70% o 75% a seconda degli interventi effettuati.

    Siamo a disposizione per fornirti tutte le informazioni che desideri e per massimizzare le tue possibilità di recupero.

    Contattaci...



    27 dicembre 2016

    Bonus mobili 2017 ma con nuove regole!

    La legge di Bilancio 2017 estende la possibilità di usufruire del bonus mobili fino al 31 dicembre 2017, per un importo massimo di 10 mila euro per unità immobiliare, ma cambiano le regole.
    Infatti, se prima era sufficiente che l’intervento edilizio fosse iniziato a partire dal 26 giugno 2012, con le nuove regole è necessario che l’intervento abbia inizio a partire dal primo gennaio 2016.

    Chi quindi ha pratiche iniziate PRIMA dell’1 gennaio 2016, avrà diritto al rimborso di mobili ed elettrodomestici, fino ad un massimo di €10.000 per ogni unità immobiliare, SOLO se fatture e pagamenti saranno effettuati ENTRO IL 31 DICEMBRE 2016.

    Rimaniamo a disposizione e porgiamo i migliori auguri di Buon 2017!



    23 dicembre 2016

    'KEEP CALM AND LEARN ENGLISH'... con noi!

    Vuoi imparare l'inglese usando fantasia, regole e movimento?

    A gennaio...corsi di conversazione per adulti e bambini!

    Approfitta della lezione di prova gratuita del 17 gennaio...

    Contattaci per saperne di più e seguici anche...QUI e rimani aggiornato!



    21 dicembre 2016

    Bonus mobili alle giovani coppie: niente proroga per il 2017

    La Legge di Bilancio 2017 non ha prorogato il bonus mobili per le giovani coppie, che quindi scade il prossimo 31 dicembre.

    Le giovani coppie che nel 2015 hanno acquistato l’abitazione principale, o che lo faranno entro il 31 dicembre 2016, possono però ancora usufruire della detrazione dall’Irpef del 50% delle spese sostenute per mobili nuovi destinati ad arredare l'abitazione stessa.

    L’agevolazione è riservata:
  • alle coppie che nel 2016 risultano coniugate;
  • alle coppie conviventi more uxorio da almeno tre anni.
    E’ inoltre necessario che almeno uno dei componenti la coppia non abbia superato i 35 anni di età.

    Contattaci per saperne di più e seguici anche...QUI e rimani aggiornato!



    13 dicembre 2016

    Ecobonus 50% e 65%: confermata la proroga fino al 31 dicembre 2017!

    Segnaliamo che il Senato ha approvato il DDL Bilancio 2017 senza modifiche rispetto al testo licenziato dalla Camera.

    Sono quindi confermate la proroga dell'Ecobonus 65% e della detrazione 50% per gli interventi sulle singole unità immobiliari, il sismabonus e i bonus maggiorati per i condomìni.

    Prorogato anche il bonus mobili!

    Seguici anche...QUI e rimani aggiornato!



    23 novembre 2016

    Civilino: il nuovo amico di grandi e piccini!

    E' un piacere per noi segnalare la valida creazione dell'Associazione Civilino di Bastia Umbra (PG): CIVILINO!

    Simpatico personaggio che ha l'obiettivo di sensibilizzare grandi e piccini ai temi della protezione civile, della tutela dell'ambiente e della conoscenza dei rischi naturali e antropici, della prevenzione e del vivere civile in generale.

    Seguilo con noi...CLICCA QUI!



    14 novembre 2016

    Bonus 65% per la certificazione sismica senza lavori!

    Dal 1° gennaio 2017 sarà valida la detrazione 65% per le spese sostenute per le certificazioni sismiche e statiche eseguite su prime e seconde case e sugli immobili destinati ad attività produttive.

    Il bonus potrà arrivare ad un valore massimo di 20mila euro e saranno inclusi tutti gli edifici situati nelle zone sismiche 1, 2 e 3.

    Gli incentivi previsti finora per l’antisismica riguardavano solo i lavori effettivamente realizzati per la messa in sicurezza.
    Con la nuova disposizione, invece, sarà agevolato anche chi si affiderà ad un professionista per conoscere le condizioni dell’edificio e capire come potrebbe rispondere in caso di terremoto, ma che poi deciderà di non effettuare i lavori.

    Contattaci per avere altre informazioni...



    04 novembre 2016

    Bollo auto: presto si potrà pagare con domiciliazione bancaria

    Dal 15 novembre i cittadini lombardi potranno chiedere di pagare il bollo auto, a partire dalla scadenza di fine gennaio 2017, tramite domiciliazione bancaria, fruendo della riduzione del 10% per ciascun periodo di imposta.

    Potranno aderire alla domiciliazione bancaria:

  • le persone fisiche residenti in Lombardia, anche iscritte A.I.R.E., proprietarie di uno o più veicoli o locatarie (con contratto di locazione con decorrenza dal 1° gennaio 2017).
  • le persone fisiche che intendono provvedere al pagamento per conto del proprietario o locatario del veicolo (ad esempio, coniuge, convivente, figlio, nipote, ecc.).

    Siamo a disposizione per ulteriori informazioni e approfondimenti



    28 ottobre 2016

    Ecobonus: proroga e bonus rafforzati!

    Sembra ormai ufficiale la proroga fino al 31 dicembre 2017 degli incentivi fiscali per gli interventi di ristrutturazione edilizia, riqualificazione energetica e bonus mobili.

    Sembra inoltre quasi certo che ci saranno bonus rafforzati per l’antisismica e per i condomìni.

    Ecco un dettaglio:

  • Il Sismabonus sarà ampliato e funzionerà con una detrazione fiscale del 50%, che sarà possibile richiedere fino al 31 dicembre 2021.
    Il Governo vorrebbe inoltre maggiorare la detrazione al 70% o all’80% in caso di miglioramento di una o due classi di rischio e al 75% e 85% in presenza di miglioramenti riguardanti tutto l’edificio condominiale.

  • Nel caso in cui gli interventi di efficientamento energetico vengano effettuati su condomìni privati o edifici dell’Istituto autonomo case popolari, dovrebbe esservi tempo fino al 31 dicembre 2021.
    Per incentivare maggiormente i condomìni, sembra infine certo che gli interventi riguardanti tutto l’involucro saranno premiati con la detrazione del 70% e che il miglioramento della prestazione energetica invernale ed estiva otterrà il 75%.
    Il Governo ha anche manifestato l’intenzione di rimborsare il bonus per i condomìni in meno tempo, forse in cinque rate annuali anziché in dieci, come attualmente previsto.

    Le conferme arriveranno però solo con la pubblicazione del testo.

    Vi terremo aggiornati!



    19 ottobre 2016

    Studio di ingegneria 'Ti Certifico': in contatto con tutti voi!

    Tenervi aggiornati per aiutarvi a scegliere al meglio è per noi un piacere.
    E' per questo che da oggi ci trovate anche...QUI!

    Cercate ticertifico e continuate a seguirci così numerosi...

    GRAZIE!



    13 ottobre 2016

    Legge di bilancio ed ecobonus: ecco le ultime proposte!

    Si stanno delineando i contorni della riforma dell'ecobonus e del sismabonus che il Governo presenterà nella Legge di bilancio che sarà varata dal Consiglio dei Ministri alla fine di questa settimana.

    L'ipotesi che sta prendendo piede prevede:

  • proroga di 1 anno per la detrazione fiscale al 50% per le ristrutturazioni edilizie;
  • no a una stabilizzazione per l'ecobonus e per il sisma bonus, ma proroga per 2 o 3 anni;
  • abbassamento al 50% dell'ecobonus per le riqualificazioni energetiche degli edifici per gli interventi a basso impatto;
  • innalzamento all'80% dell'ecobonus nel caso in cui gli interventi di riqualificazione energetica siano ad alto impatto e interessino l'intero condominio;
  • estensione del sisma bonus per la prevenzione antisismica anche alle zone 3;
  • sismabonus con riconoscimento di una detrazione Irpef del 50%, che può aumentare al 70% qualora i lavori antismisici comportino l'innalzamento di un livello della classificazione antisismica dell'abitazione.
    Nel caso in cui gli interventi di ristrutturazione aumentino di 2 livelli la classificazione antisismica, il sisma bonus cresce al 75% e può arrivare all'80% se l'adeguamento antisismico interessa l'intero edificio;
  • riduzione a 5 anni del periodo nel quale viene spalmato il credito d'imposta.

    Rimane tuttavia ancora da sciogliere il nodo delle risorse a disposizione per la copertura di queste misure.

    Vi terremo aggiornati!



    10 ottobre 2016

    Dal Senato il sostegno a proroga ecobonus e interventi antisismici

    L'Assemblea di Palazzo Madama, lo scorso 29 settembre, ha approvato all'ordine del giorno la mozione n. 620 sul progetto "Casa Italia", finalizzato prima di tutto alla messa in sicurezza del Paese dai rischi provocati da eventi sismici.
    Ad oggi, infatti, manca un serio intervento legislativo, volto a stabilire piani, tempi e modalità, nonché una idonea mappatura dei fabbricati, compresi quelli pubblici, per la messa in sicurezza degli edifici nelle zone a rischio del Paese.

    La mozione approvata impegna il Governo a pianificare il fabbisogno di risorse pubbliche e private per la messa in sicurezza degli edifici e a dare continuità per i prossimi 3 anni all’ecobonus per le ristrutturazioni edilizie e l'efficientamento energetico.

    Non ci resta che attendere...



    05 ottobre 2016

    Attestato di Prestazione Energetica: Attenzione alla scadenza!

    Si ricorda che l’Attestato di Prestazione Energetica ha un’idoneità massima di 10 anni e decade a seguito di interventi che modifichino la prestazione energetica dell’unità immobiliare oppure nel caso in cui venga variata la destinazione d’uso.

    La validità temporale massima dell’Attestato è inoltre subordinata al rispetto delle prescrizioni per le operazioni di controllo di efficienza energetica degli impianti termici.

    Non esitare a contattarci per saperne di più



    30 settembre 2016

    Decreto Legislativo 81/08: tutela la Tua Attività

    Ti ricordiamo che tutte le Attività con almeno un Lavoratore hanno l'obbligo di rispettare il Decreto Legislativo 81/08 in materia di tutela della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro.

    Con 'Lavoratore' si intende una 'persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un'attività lavorativa nell'ambito dell'organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione (...)'.

    Sono quindi 'Lavoratori' anche gli apprendisti, gli stagisti, chi opera a voucher e chi a tempo determinato.

    Non sono considerati 'Lavoratori' SOLO i collaboratori familiari.

    Per saperne di più...clicca qui.



    29 settembre 2016

    Ecobonus: probabile proroga per due o tre anni

    Il viceministro dell’economica Enrico Morando, nel corso di un convegno organizzato a Piacenza da Confedilizia, ha confermato l’intenzione del Governo di prorogare l’ecobonus previsto dalla Legge di Stabilità 2016 per gli per interventi di riqualificazione e risparmio energetico.
    In particolare, Morando ha parlato di una proroga per 2 o 3 anni, escludendo al momento che la misura diventi strutturale.

    Obiettivo del Governo è incentivare contemporaneamente gli interventi sul risparmio energetico e quelli antisismici ed è infatti al vaglio l’ipotesi di aumentare lo sconto se i due interventi vengono fatti insieme.

    Il governo sta anche studiando di inserire nella prossima Legge di Stabilità una soluzione per permettere di ricorrere all’Ecobonus anche da parte di coloro che sono incapienti e che potrebbero partecipare alla ristrutturazione dei condomini "recuperando il vantaggio sul versante degli oneri da riscaldamento".

    Non ci resta che attendere...



    28 settembre 2016

    Legge di Stabilità: sismabonus robusto e stabile

    Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, ha annunciato il sismabonus.
    Delrio ha ipotizzato “incentivi anche maggiori del 65% se si arriva ad un upgrading nella classificazione antisismica” e ha assicurato che entro l’anno arriveranno le linee guida sulla classificazione sismica degli edifici.

    Dopo aver creato dei parametri di riferimento, sarà quindi possibile graduare gli incentivi in base agli interventi effettuati e al miglioramento conseguito.

    Vi terremo aggiornati...



    11 luglio 2016

    Ecobonus 50%-65%: proposta di legge alla Camera per anticipo presso le banche ed estensione agli incapienti

    “Oggi lo strumento delle detrazioni fiscali sconta il limite della durata nel tempo della loro effettiva fruizione ed esclude totalmente le fasce incapienti, ovvero i soggetti a più basso reddito" spiega l'onorevole Sara Moretto che ha depositato la proposta di legge.

    Possibilità quindi di anticipare, presso banche e intermediari finanziari, le agevolazioni fiscali senza l’obbligo di attendere i dieci anni di recupero rateale in dichiarazione dei redditi.

    La proposta di legge ha un duplice obiettivo: sostiene il rilancio del settore edilizio e amplia la platea dei beneficiari includendo anche le famiglie incapienti.

    Per saperne di più, contattaci!



    27 giugno 2016

    Al via l'English CLIL Camp 2016!

    Parte oggi a Valdisotto e Livigno l'English CLIL Camp 2016.

    15 giorni all'insegna del divertimento e dell'avventura... into the wild!

    Accompagnati da Alice, Anais, Emma, Jacob e Lucy, bambini e ragazzi scopriranno ogni giorno di più la bellezza della lingua INGLESE.

    Buon divertimento!



    16 giugno 2016

    Ecobonus 50%-65%: il Governo andrà avanti

    Nel 2014 sono stati 11 milioni gli italiani che hanno usufruito delle detrazioni fiscali dedicate alla casa, per complessivi 5,8 miliardi di euro.

    Per questi motivi il Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ha confermato le intenzioni del Governo di voler proseguire sulla via dell’ecobonus e del credito di imposta per le ristrutturazioni.

    Il complesso delle misure sulla casa - ha spiegato il Ministro - hanno una triplice valenza: il sostegno alle famiglie, la ripresa del settore edilizio e della filiera produttiva del settore casa, il moltiplicarsi delle opportunità di accesso al credito.

    Lungo queste direttive proseguirà l’azione del Governo.

    Vi terremo aggiornati...



    01 giugno 2016

    Ecobonus 65%: Ddl alla Camera propone di estenderlo agli interventi di “sistemazione a verde”

    Estendere l’ecobonus 65% agli interventi straordinari di “sistemazione a verde” di aree scoperte di pertinenza delle unità immobiliari private (giardini, parchi, ecc.).

    È quanto propone un disegno di legge depositato alla Camera dei Deputati da Enrico Borghi, capogruppo del Partito Democratico in commissione ambiente, territorio e lavori pubblici di Montecitorio, insieme alla collega on. Veronica Tentori.

    “La mia proposta - commenta l’onorevole Borghi - oltre a promuovere la cultura del verde privato attraverso misure incentivanti, sostiene anche i settori florovivaistici locali favorendo l’emersione del sommerso e il rilancio del comparto.
    Un comparto che negli ultimi 8 anni ha perso sul territorio nazionale il 40% del fatturato, sia per la crisi che per l’elevata concorrenza sleale da parte di improvvisati che operano senza alcun rispetto delle regole e mettendo a rischio i Lavoratori in ambito sicurezza”.

    Vi terremo aggiornati.



    13 maggio 2016

    Bando di Regione Lombardia: incentivazione a fondo perso dell'acquisto di sistemi di accumulo per impianti fotovoltaici

    Dal prossimo 26 maggio sarà possibile accedere al Bando di Regione Lombardia per l’incentivazione a fondo perso dell’acquisto di sistemi di accumulo per gli impianti fotovoltaici.

    Regione Lombardia mette a disposizione 2 milioni di euro (per un massimo di 4 mila impianti).

    Il Bando è valido fino al 31 dicembre 2016, salvo esaurimento anticipato delle risorse finanziarie.

    Siamo a disposizione per qualsiasi chiarimento.



    05 maggio 2016

    Ecobonus 50%-65%: 10 detrazioni interessanti e poco note

    Di seguito 10 punti per scoprire alcune delle possibilità più interessanti e meno note offerte dai bonus:

  • interventi relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi (grate, vetri antisfondamento, porte blindate etc.);

  • prestazioni professionali, acquisto dei materiali e spese per perizie e sopralluoghi;

  • acquisto di mobili all'estero pagando con carta di credito o debito e documentando la spesa con fattura e ricevuta di avvenuta transazione;

  • costruzione di garage, autorimessa o posto auto di pertinenza nel cortile condominiale;

  • tecnologie robotiche e interventi volti a migliorare la comunicazione e la mobilità interna ed esterna alla casa in cui vivono persone con gravi disabilità fisiche e motorie;

  • interventi antisismici su prime case o edifici adibiti ad attività produttive in zone ad alta pericolosità;

  • adeguamenti di immobili di valore storico o artistico alle esigenze funzionali di un uso contemporaneo;

  • arredi: materassi, lampade e lampadari, mobili nuovi fatti su misura, letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, cucine, mobili per arredare il bagno e quelli per l’esterno. Nessun rimborso per porte e tende, complementi di arredo o mobili usati e antichi;

    E ricorda che:

  • se hai già effettuato dei lavori su un immobile beneficiando di un incentivo e intraprendi nuovi lavori di riqualificazione, puoi usufruire di un’altra detrazione;

  • un bonus non esclude l’altro: l’uso di una determinata tipologia di bonus non è esclusivo e si può usufruire di più incentivi. Attenzione però ai tempi...

    Non esitare a contattarci per ulteriori informazioni!



    15 aprile 2016

    Ecobonus 65%: stabilizzazione nel triennio 2017-2019

    L'assemblea del Senato ha approvato ieri un testo di indirizzo unitario che impegna il Governo a stabilizzare nel triennio 2017-2019 l'ecobonus al 65% per la riqualificazione energetica degli edifici.

    Secondo il presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa, l'impegno assunto dal Governo è di importanza fondamentale per gli immobili condominiali per i quali la proroga di anno in anno dell'agevolazione non ha finora permesso, in molti casi, a causa dei tempi necessari per la deliberazione e realizzazione dei lavori, di sfruttare una misura di particolare efficacia.

    Vi terremo aggiornati!



    15 febbraio 2016

    Comodato d'uso a figli o genitori: c'è tempo fino al 1° marzo per lo sconto del 50% su IMU e TASI

    Chi effettuerà la registrazione dei contratti di comodato entro il 1° marzo 2016 potrà beneficiare di uno sconto del 50% su IMU e TASI per quanto riguarda gli immobili concessi in comodato d'uso gratuito a figli e parenti in linea retta entro il primo grado che li utilizzano come abitazione principale.

    Non esitare a contattarci per ulteriori approfondimenti!



    07 gennaio 2016

    Legge di Stabilità 2016: sconto 50% Imu per gli immobili dati in comodato d'uso a figli o genitori

    Riduzione del 50% della base imponibile Imu per gli immobili dati in comodato d'uso a figli o genitori.

    Ecco una delle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2016.

    Lo sconto del 50% della base imponibile Imu si applica alle unità immobiliari, fatta eccezione per quelle classificate “di lusso” cioè nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale.

    Non esitare a contattarci per ulteriori approfondimenti su condizioni e requisiti da possedere.



    22 dicembre 2015

    Ecobonus 65%: emendamento approvato dalla Commissione Bilancio della Camera

    la Commissione bilancio ha approvato un emendamento alla Legge di Stabilità che estende l'ecobonus del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica alle spese sostenute “per l'acquisto, l'installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento e/o di produzione di acqua calda e/o climatizzazione delle unità abitative”.

    Continuate a seguire i nostri aggiornamenti...



    17 dicembre 2015

    Agevolazioni fiscali anche per impianti domotici e sistemi di videosorvegliaza

    Estendere la detrazione fiscale 65% alle spese sostenute per l’acquisto, l’installazione e la messa in opera di “dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda e climatizzazione nelle unità abitative” e riconoscere un credito di imposta alle persone fisiche che, al di fuori della loro attività di lavoro autonomo, nstallano sistemi di videosorveglianza digitale o di allarme:

    ecco alcuni emendamenti al disegno di Legge di Stabilità per il 2016 approvati dalla Commissione Bilancio della Camera prima dell’approdo del testo in Aula.

    Vi terremo aggiornati...



    27 novembre 2015

    Ecobonus: Legge di Stabilità alla Camera

    La Legge di Stabilità sarà in Aula il 14 dicembre: detrazioni fiscali, pensioni, sicurezza e cultura i capitoli più caldi!



    19 novembre 2015

    SERVIZI CATASTALI: INFO POINT GRATUITO A GROSIO

    Lo Studio di Ingegneria ‘Ti Certifico’ segnala la possibilità di verificare gratuitamente i dati catastali delle proprie abitazioni.

    Dal 09 novembre 2015 infatti l’Agenzia delle Entrate rende disponibile la superficie catastale nelle visure delle unità immobiliari censite nelle categorie dei Gruppi A, B e C. Una novità che semplifica la vita ai proprietari di 57 milioni di immobili, mettendo a loro disposizione un dato finora visibile solo nelle applicazioni degli uffici.
    Arriva direttamente in visura anche la superficie ai fini TARI, per consentire ai cittadini di verificare con facilità i dati utilizzati dai Comuni ai fini del controllo della tassa rifiuti.
    In caso di errori riscontrati nei dati catastali relativi ai propri immobili, gli interessati potranno richiederne la correzione.

    L’Agenzia invita i cittadini a verificare la propria situazione e, se sei interessato, ti aspettiamo presso i nostri Uffici di Via Valorsa 14 a GROSIO.



    17 novembre 2015

    Ecobonus: arriva la proposta di renderlo accessibile a pensionati e incapienti!

    "Rendere accessibile gli incentivi previsti per la rigenerazione energetica anche alle famiglie che non hanno capienza di reddito e promuovere interventi di riqualificazione energetica di interi edifici condominiali, introducendo la possibilità che la detrazione dei singoli condomíni venga ceduta all'impresa che realizzerà gli interventi di riqualificazione".
    Questa, in sintesi, la richiesta di Legambiente e del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori avanzata attraverso un emendamento al disegno di Legge di Stabilità 2016 inviato al Senato.

    L'ecobonus - spiegano architetti e ambientalisti - così come è attualmente previsto, promuove di fatto solo interventi singoli, non accessibili a pensionati e incapienti.

    Non ci resta che attendere...



    13 novembre 2015

    Legge di stabilità: raddoppia a 16mila euro il bonus mobili per le giovani coppie!

    Ieri, in tarda serata, è stato approvato in commissione Bilancio del Senato un emendamento che fa passare da 8000 € a 16000 € il tetto per fruire del cosiddetto «bonus mobili», la detrazione Irpef del 50% prevista nel Ddl di stabilità per le giovani coppie (anche di fatto, in cui almeno uno dei due componenti non abbia superato i 35 anni) che abbiano acquistato la prima casa.

    Ma mentre le giovani coppie proprietarie di casa si vedranno raddoppiare il bonus per l'acquisto di mobili, le giovani coppie in affitto resteranno a bocca asciutta.
    È stato infatti respinto un emendamento proposto dal senatore Pd Roberto Ruta che estendeva il bonus mobili alle giovani coppie in affitto.

    «L'emendamento approvato - afferma la senatrice del Pd Camilla Fabbri - nasce anche dal contributo fornito da Federlegno.
    Il settore del mobile, infatti, rappresenta una realtà strategica per l'economia del Paese, che merita attenzione e investimenti.
    Si tratta, inoltre - conclude - di un sostegno rivolto alle giovani generazioni in un passaggio importante della loro vita».

    Non perdete i nostri aggiornamenti!



    10 novembre 2015

    AGGIORNAMENTO DETRAZIONI 50% E 65%!

    È disposta la proroga, alle condizioni previste per il 2015, sia della detrazione per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio che per quelli di riqualificazione energetica.

    In particolare, per le spese sostenute fino al 31.12.2016 (anziché fino al 31.12.2015) la detrazione:
  • per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio è riconosciuta nella misura del 50%, su un importo massimo di spesa pari a € 96.000;
  • per gli interventi di risparmio e riqualificazione energetica, inclusi i nuovi interventi introdotti dal 2015 (schermature solari e impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili), è riconosciuta nella misura del 65%.

    Le detrazioni per gli interventi di risparmio e riqualificazione energetica sono ora fruibili anche dagli Istituti autonomi per le case popolari (IACP) comunque denominati, per le spese sostenute dall’1.1 al 31.12.2016, per interventi realizzati sugli immobili di loro proprietà e adibiti ad edilizia residenziale pubblica.

    È inoltre disposta la proroga fino al 31.12.2016 della detrazione IRPEF del 50% su una spesa massima di € 10.000, riconosciuta ai soggetti che sostengono spese per l’acquisto di mobili e/o grandi elettrodomestici rientranti nella categoria A+ (A per i forni) finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di interventi di recupero del patrimonio edilizio per il quale si fruisce della detrazione IRPEF (alle stesse condizioni previste per il 2015).

    È introdotto il “Bonus mobili” riservato alle giovani coppie (coniugi ovvero conviventi more uxorio) che costituiscono nucleo familiare da almeno 3 anni, in cui almeno uno dei due non abbia superato i 35 anni di età e che siano acquirenti di un’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale (la norma non precisa i termini temporali relativi a tale acquisto).
    Questo “Bonus mobili” spetta nella misura del 50%, su una spesa massima di € 8.000, per l’acquisto di mobili destinati all’arredo dell’abitazione principale acquistata.
    Detta spesa deve essere sostenuta dall’1.1 al 31.12.2016 e la detrazione va ripartita in 10 quote annuali.
    Tale detrazione non è cumulabile né con la detrazione per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, né con il “bonus mobili” relativo agli immobili oggetto di detti interventi.

    Vi terremo aggiornati!



    26 ottobre 2015

    Bonus Mobili 2016: ancora novità!

    La Legge di Stabilità 2016 – oltre a prorogare per tutto il prossimo anno le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie e gli interventi di riqualificazione energetica – ripropone il “vecchio” Bonus Mobili (al 50%, fino a un tetto di 10mila euro), ma prevedendo una nuova agevolazione per l’acquisto di arredi destinati alle nuove prime abitazioni.

    Il nuovo bonus mobili non è dunque soltanto destinato agli appartamenti oggetto di ristrutturazione agevolata, ma anche all’acquisto di un immobile (che non deve necessariamente essere ristrutturato).
    In questo caso è riservato alle giovani coppie con almeno uno dei due partner sotto i 35 anni.
    E, novità delle ultime ore, è utilizzabile anche dalle coppie di fatto purchè conviventi da almeno tre anni.

    La detrazione è al 50% su un tetto di spesa massimo di 8mila euro, quindi la detrazione massima è di 4mila euro.
    Il beneficio si può utilizzare per l’acquisto di mobili, mentre non è chiaro se valga anche per gli elettrodomestici.
    La detrazione è distribuita su dieci anni, con quote di pari importo.

    Continuate a seguirci!



    20 ottobre 2015

    Ecobonus 50%-65%: ecobonus esteso alle case popolari, 'raddoppia' il bonus mobili!

    Anche il prossimo anno chi farà degli interventi di riqualificazione energetica degli immobili potrà usufruire della detrazione sulle spese.
    Detrazione che, come voluto dal ministro Graziano Delrio, sarà estesa anche alle case popolari.

    Inoltre, per le coppie under 35 che acquistano casa, il tetto di spesa agevolato per il bonus mobili raddoppia da 10 mila a 20 mila euro e il credito d’imposta aumenta da 5 mila a 10 mila euro.

    Non perdete i nostri aggiornamenti!



    19 ottobre 2015

    Ecobonus 50%-65%: proroga fino al 31 dicembre 2016!

    Proroga fino al 31 dicembre 2016 dell’ecobonus per la riqualificazione energetica e sismica degli edifici e del bonus del 50% sulle ristrutturazioni e i mobili.

    Sono le misure per la casa contenute nella Legge di Stabilità 2016 approvata il 14 ottobre dal Consiglio dei Ministri che, secondo il premier Matteo Renzi, apre la strada ad una #italiacolsegnopiù.

    Vi terremo aggiornati!



    06 ottobre 2015

    Certificazioni energetiche a basso costo: interrogazione alla Camera

    'Garantire la trasparenza e l'attendibilità delle certificazioni energetiche degli edifici, superando le attuali criticità'.
    Lo chiede un'interrogazione ai ministri delle Infrastrutture, dell’Ambiente e dello Sviluppo economico, presentata dai deputati Realacci e Braga.

    “Purtroppo in Italia - osserva Realacci - continuano ad esserci diverse criticità sulla certificazione energetica del patrimonio edilizio: dalla mancata uniformità nel sistema di certificazione tra le diverse regioni, alla farraginosità di controlli e sanzioni, fino al fenomeno del facile rilascio degli Attestati di Prestazione Energetica, che mette sul mercato certificati ottenuti con questionari di autovalutazione online a basso costo, ma con scarsa attendibilità.
    Una pratica che danneggia l’azione di riqualificazione energetica degli edifici, nuoce agli operatori onesti e pregiudica la nascita di nuovi professionisti”.

    L’interrogazione di Realacci e Braga invita dunque i Ministri a superare queste criticità coinvolgendo istituzioni e professioni interessate, al fine di promuovere l’edilizia di qualità, il risparmio energetico e la riqualificazione del patrimonio edilizio.



    30 settembre 2015

    Ecobonus 50%-65%: è proroga per il 2016!

    La proroga per il 2016 di ecobonus al 65% e bonus ristrutturazioni al 50% sembra essere al momento l'unico punto fermo.

    Risposta negativa invece, dal Ministero dell’Economia sulla proposta di Delrio di rendere stabili, quindi senza una data di scadenza, le due detrazioni.

    I bonus quindi restano soltanto fino al 31 dicembre 2016.

    Altro nodo da sciogliere riguarda però ora la platea degli interessati.
    Le ipotesi sono numerose:
  • allargare le detrazioni anche ai lavori sui capannoni delle imprese italiane
  • comprendere negli ecobonus al 65% anche l’edilizia pubblica in particolare per gli alloggi popolari e l’edilizia scolastica
  • prevedere l’utilizzo del bonus mobili con detrazioni al 50% anche per le giovani coppie che comprano nuovi mobili per la casa in affitto, anche senza interventi di ristrutturazione
  • utilizzare il bonus al 65% per interventi di efficientamento energetico su condomini e grandi edifici facendo pagare gli inquilini tramite i risparmi ottenuti in bolletta grazie all’efficientamento

    Su questo tema c’è quindi ancora molto da discutere e decidere, ma almeno la decisione sulla proroga delle detrazioni al 2016 sembre essere presa.

    Aggiornamenti più certi li avremo soltanto con la presentazione delle legge di stabilità entro il 15 ottobre.

    Continuate a seguirci: vi terremo aggiornati



    28 settembre 2015

    Ecobonus 50%-65%: ancora segnali di riconferma della detrazione

    Arrivano proprio in questi giorni dal sottosegretario all’economia Pier Paolo Baretta segnali che, parlando della prossima legge di Stabilità in occasione della Summer School di Confartigianato, ha rivelato: “Penso che verrà confermato il cosiddetto bonus energetico e quello per le ristrutturazioni in scadenza a inizio dicembre”.

    Che si tratti di uno strumento vincente, l’ecobonus 65% lo ha già ampiamente dimostrato in tutti questi anni.
    E come ricorda lo stesso Barretta “si tratta di una misura molto concreta che ha prodotto in questi anni un volume d’affari di 27 miliardi, ed ha un impatto immediato”.

    A mettere pressione al Governo è stata anche, prima dell’estate, una mozione firmata da 16 Senatori,in cui si chiedeva, oltre alla stabilizzazione per il 2016, anche di rimodulare i tempi di erogazione dell’incentivo.

    Secondo i proponenti inoltre, l’agevolazione dovrebbe essere estesa anche alla costruzione di edifici nuovi, a patto che vengano realizzati secondo i dettami della bio-edilizia o seguendo il principio UE di energia zero.


    Non ci resta che attendere...



    02 settembre 2015

    Ecobonus 50%-65%: il Ministro Delrio propone la conferma anche per il 2016!

    "L'edilizia è la nostra problematica più urgente.
    Proporrò al governo un pacchetto di misure sulla casa con la conferma degli Ecobonus".

    Queste le parole del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio alla Festa dell'Unità a Torino che, dopo la conferma da parte del Presidente del Consiglio Matteo Renzi per il Bonus Mobili 2016, ha voluto dare un chiaro segnale per la ripresa del settore edilizio.
    Non è infatti un mistero che, complice la crisi, il settore edilizio si tenga in piedi grazie soprattutto all'effetto di stimolo derivante dagli incentivi fiscali per le ristrutturazioni edilizie e il risparmio energetico.


    Attendiamo quindi i prossimi aggiornamenti...



    28 agosto 2015

    Ecobonus 50%-65%: verso la riconferma 2016!

    A fronte del grande successo riscosso dall'Ecobonus 50%-65%, il Governo sta studiando un ampliamento della misura per il 2016 come strumento utile a rafforzare la crescita e a far riprendere i consumi in Italia.

    Per ora sembra piuttosto sicura la riconferma per il 2016 degli sgravi IRPEF pari al 50% in caso di ristrutturazioni edilizie e Bonus mobili e al 65% in caso di interventi di efficientamento energetico degli edifici.

    Proroga sulla quale sono tutti d’accordo.

    Vi terremo aggiornati...



    03 agosto 2015

    Ecobonus 65%: dal Senato arriva la richiesta di stabilizzarlo

    Una mozione firmata da 16 Senatori chiede al Governo di dare stabilità dal 2016 all’agevolazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica degli edifici che, in assenza di proroghe, scadrà il 31 dicembre 2015.

    La mozione chiede anche di:

  • rimodulare i tempi di erogazione dell’incentivo - ora pari a 10 anni per tutti gli interventi - rendendoli crescenti con l’ammontare della spesa, in modo che la detrazione fiscale sia conveniente anche per micro-interventi.
  • estendere il campo di applicazione dell’ecobonus del 65%, in via permanente, alla riqualificazione energetica del patrimonio di edilizia residenziale pubblica e di edifici di proprietà di onlus, alla riqualificazione energetica di edifici interi, al consolidamento antisismico degli edifici ricadenti in aree a rischio sismico, al consolidamento antisismico dei beni immobili strumentali, comprese le strutture alberghiere e ricettive (secondo i proponenti, l’agevolazione dovrebbe essere estesa anche alla costruzione di edifici nuovi, nel caso siano rigorosamente seguiti criteri di bio-edilizia o a energia zero o quasi-zero).
  • promuovere in maniera diffusa ed ancora più incisiva su tutti i media la normativa in merito all’agevolazione per la riqualificazione energetica degli edifici.

    Il risparmio energetico - rileva la mozione - è uno strumento per migliorare i conti delle famiglie italiane, che potrebbero risparmiare centinaia di euro l’anno di bollette, così come lo è per migliorare, anche esteticamente, le città e porre un argine alla crisi del settore edilizio, che ha perso più di 700.000 posti di lavoro.


    Non ci resta che attendere...



    31 luglio 2015

    Certificati di credito fiscale: un'alternativa alle detrazioni 65% e 50%?

    Certificati di credito fiscale come strumento di fruizione delle agevolazioni per gli interventi di riqualificazione edilizia ed energetica degli edifici.
    Questa è la proposta di un disegno di legge sul tavolo della Commissione Bilancio della Camera.

    Al momento, sostengono i relatori del provvedimento, il limite dell'attuale sistema di agevolazione, basato sull'articolazione decennale delle detrazioni, è costituito dall'eccessiva diluizione del beneficio.
    Con la cartolarizzazione dei crediti fiscali, consolidati in certificati cedibili esclusivamente alle imprese appaltatrici dei lavori, si creerebbe un risparmio di spesa immediato.
    Le imprese appaltatrici sarebbero infatti tenute ad accettare i crediti fiscali quale strumento di parziale pagamento dei lavori commissionati.
    Il ddl prevede che le imprese a cui i contribuenti hanno ceduto i crediti fiscali possano liquidarli esclusivamente tramite cessione agli istituti di credito e agli intermediari finanziari abilitati.
    Con questo sistema, sostengono i relatori, si renderebbe più efficiente e conveniente la fruizione delle suddette agevolazioni fiscali senza eccessivi oneri a carico dello Stato, ma facendo leva sul sistema bancario.

    Restano però da sciogliere alcuni nodi e la discussione dei prossimi giorni potrebbe chiarire i punti più controversi e mostrare se esiste una via alternativa al sistema di detrazioni fiscali al momento in vigore.

    Vi terremo aggiornati...



    27 luglio 2015

    Incentivi per orti urbani e tetti verdi

    Negli scorsi giorni è stato presentato al Senato un nuovo Disegno di legge per la promozione e la diffusione della cultura del verde in Italia.

    Nel Ddl si parla di detrazioni fiscali per tetti verdi, giardini pensili, verde condominiale e orti e giardini privati curati da proprietari o affittuari.

    Se il Ddl verrà approvato, ci saranno delle novità davvero interessanti per chi in casa propria e nel condominio si occupa di curare un giardino o di coltivare un orto.

    La proposta ha l'obiettivo di agevolare i cittadini nella cura del verde, di migliorare la loro qualità della vita e la loro partecipazione nella valorizzazione paesaggistica.
    A tal proposito Coldiretti ricorda che gli incentivi per la realizzazione di interventi di riqualificazione e recupero di aree private da destinare a zone verdi avranno l'effetto di incrementare il valore ecologico e ambientale delle zone edificate e di portare ad un recupero green degli spazi privati interessati da degrado e abbandono.

    Ora resta da comprendere se il Ddl verrà approvato e come sarà possibile richiedere le agevolazioni fiscali.

    Non ci resta che attendere...



    13 luglio 2015

    Segnalazione Bando relativo agli Edifici Scolastici

    Ecco un estratto di quanto pubblicato nel testo del Bando relativo agli Edifici Scolastici:

  • OTTO PER MILLE PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E ULTERIORI 200 MILIONI PER I MUTUI AGEVOLATI PER LA COSTRUZIONE E LA RISTRUTTURAZIONE DELLE SCUOLE.
    La nuova legge contiene anche disposizioni in materia di utilizzo della quota dell'otto per mille relativa all'edilizia scolastica e in materia di stipula di mutui: in particolare, per quest'ultimo profilo, è disposto l'aumento da 40 a 50 milioni di euro, dal 2016 al 2018, dell'importo dei contributi pluriennali previsti dall'art. 10 del D.L. 104/2013 (L. 128/2013) e viene estesa alle Istituzioni Afam la possibilità di essere autorizzate direttamente alla stipula dei mutui.

  • 40 MILIONI PER IL 2015 PER IL FINANZIAMENTO DI INDAGINI DIAGNOSTICHE DEI SOLAI E DEI CONTROSOFFITTI.
    Un'altra novità è lo stanziamento di 40 milioni di euro per il 2015 per il finanziamento di indagini diagnostiche dei solai e dei controsoffitti degli edifici scolastici.

  • CREDITO D'IMPOSTA DEL 65%.
    Per quanto riguarda le agevolazioni fiscali, la legge prevede tra l'altro un credito d'imposta del 65% (sul modello dell'Art-Bonus) per il 2015 e il 2016 e del 50% per il 2017 per chi effettua erogazioni liberali in denaro, nel limite massimo di 100.000 euro per ogni periodo di imposta, per la realizzazione di nuove scuole, la manutenzione e il potenziamento di quelle esistenti e il sostegno a interventi per l'occupabilità degli studenti. Il credito è riconosciuto a condizione che le somme siano versate in apposito capitolo dell'entrata del bilancio dello Stato, con modalità definite con decreto interministeriale, affinché siano riassegnate ad apposito fondo iscritto nello stato di previsione del Miur, per l'erogazione alle scuole beneficiarie. Il 10% delle erogazioni è destinato alle scuole che risultano destinatarie di erogazioni liberali inferiori alla media nazionale. Al credito d'imposta si applicano gli ordinari limiti di fruizione.

    Rimaniamo a disposizione per ulteriori informazioni e per supportare gli Istituti nella presentazione della domanda.



    30 giugno 2015

    Ecobonus: allo studio certificati di credito fiscale anche per incapienti!

    E' al vaglio una proposta di legge che fa ben sperare circa la possibilità di proroga delle agevolazioni fiscali vigenti.

    La norma proposta prevede che le detrazioni fiscali per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio e per quelli di riqualificazione energetica degli edifici siano riconosciute anche mediante l'attribuzione di un certificato di credito fiscale rappresentativo dell'ammontare della detrazione spettante.

    Ed ecco la grande novità: il certificato di credito fiscale potrebbe essere richiesto anche dai soggetti privi di capienza fiscale (ad es. lavoratori all'Estero, cittadini italiani senza reddito, contribuenti con un ammontare di tassazione inferiore all'obiettivo di rimborso fiscale) fino a un valore di 6.000 euro.

    Non ci resta che attendere...



    27 maggio 2015

    Ecobonus: il M5S chiede la stabilizzazione fino al 2020

    Il senatore del Movimento 5 Stelle Gianni Girotto, che ha presentato una mozione al Senato per la proroga degli incentivi, dice che «L’Ecobonus rappresenta un volano importante per la nostra crescita economica».
    Stabilizzare gli incentivi fino al 2020, come richiesto dal Movimento 5 stelle, significherebbe portare un aumento della produzione diretta e indiretta di quasi 240 miliardi di euro, con la creazione di centinaia di migliaia di posti di lavoro.
    Il Movimento 5 Stelle chiede inoltre di migliorare il decreto legge riducendo il numero di rate da 10 a 5 per minimizzare il tempo di rientro degli investimenti e verificando l’attendibilità delle domande presentate.

    I cinquestellati sottolineano che a voler il rafforzamento del meccanismo dell’Ecobonus è una larga fetta di rappresentanza economica e sociale del Paese: industriali, artigiani, commercianti, banche, sindacati e ambientalisti.

    Per Girotto «è arrivato il momento di premere sull’acceleratore.

    Oltre il 40% dei consumi energetici nazionali dipendono dai nostri edifici poco efficienti.

    Riqualificare significa bollette meno care, ma anche meno dipendenza energetica dall’estero.
    Quindi più sicurezza nazionale e meno costi per lo Stato.
    Inoltre sprecare meno energia vuol dire meno emissioni di CO2 nell’ambiente e quindi un riallineamento degli obiettivi italiani a quelli imposti dall’Ue, ovvero abbattimento dell’80% delle emissioni interne entro il 2050.
    “Investire nell’economia a bassa intensità di carbonio stimolerebbe progressivamente un cambiamento strutturale dell’economia e genererebbe nuovi posti di lavoro».

    Vi terremo aggiornati...



    27 aprile 2015

    Incertezze sulle detrazioni fiscali

    Discordanti le posizioni circa gli ecobonus.

    Alla proposta di Delrio di confermare anche per il 2016 le detrazioni 50% e 65%, si contrappone quella di ridurre, a partire dal 2016, l'ecobonus al 20% da poter spendere in quote annuali per 10 anni sia per le ristrutturazioni edilizie sia per gli interventi di riqualificazione energetica.

    E, nonostante il recente plauso incassato dal premier Renzi al Salone del mobile di Milano, nel dossier dei commissari alla spending review viene espressamente sancito l’addio al bonus per mobili: «Nessuna agevolazione per l’arredo degli immobili ristrutturati».

    Gli effetti per le casse dello Stato si avranno nel 2017 con un recupero di 294 milioni.


    Non ci resta che attendere...



    23 aprile 2015

    Riconfermare anche nel 2016 le detrazioni 50% e 65%: la proposta di Delrio

    Riconfermare anche nel 2016 le detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni edilizie e del 65% per le riqualificazioni energetiche degli edifici.

    L'intenzione del Governo di prorogare anche per il prossimo anno i due bonus fiscali è stata confermata dal nuovo ministro alle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio.
    Le due detrazioni, ha ricordato Delrio, “hanno avuto in questi anni un impatto positivo sul settore dell'edilizia, in termini di investimento e occupazione, molto superiori a quello della legge obiettivo.
    Ci impegneremo perciò, nella prossima legge di stabilità, a confermare le detrazioni fiscali e anche ad allargare il più possibile la platea dei beneficiari”.

    In particolare, il ministro è disponibile a valutare la possibilità di allargare l'ecobonus 65% a tutte le aree sismiche, alla bonifica dell’amianto, e per quanto riguarda i soggetti, all’edilizia sociale pubblica e alle imprese.

    Non perdete i nostri aggiornamenti!



    21 aprile 2015

    Superbonus per il restauro delle facciate: la proposta di Franceschini

    Istituire un “bonus facciate” per incentivare la ristrutturazione e il restauro dei palazzi rendendo gradevoli le città e le periferie.

    Questa l’idea del ministro dei Beni Culturali e del Turismo, Dario Franceschini.
    Franceschini, sull'esempio di ciò che ha realizzato il ministro Andrè Malraux, che ha cambiato il volto di molte città della Francia, pensa a un bonus fiscale molto più forte del 55-60% per tutti coloro che vogliano rimettere a posto le facciate delle proprie case e palazzi.

    “Un incentivo con un arco temporale limitato di due anni, che permetterebbe di fare le nostre città e periferie più belle a spese dei privati ed a tutto vantaggio dell'economia e della piccola e media impresa".

    Il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, ha commentato così l'introduzione del bonus: "La proposta del ministro Franceschini sull'istituzione di un bonus fiscale per il restauro delle facciate dei palazzi è certamente positiva.
    I vantaggi sarebbero molteplici: in primo luogo si contribuirebbe a rendere più belle le nostre città, anche perché contribuire a riqualificare i palazzi delle città, non solo in centro, è un importante segnale di attenzione da parte del Governo.
    Ho sempre detto che per favorire lo sviluppo, la strada migliore sarebbe stata iniziare dalle piccole e medie opere che possono in tempi brevi dare occupazione; la proposta di Franceschini va esattamente in questa direzione e potrà dare un impulso concreto alla ripresa economica".


    Vi terremo aggiornati...



    20 aprile 2015

    Bonus Mobili: Renzi annuncia la proroga

    Dopo l'anticipazione del viceministro allo sviluppo economico e al commercio estero Carlo Calenda, la conferma del premier Matteo Renzi: “E’ nelle intenzioni dell'esecutivo confermare il bonus mobili anche nella prossima legge di stabilità”.
    La notizia, ufficializzata in occasione dell'inaugurazione del Salone del Mobile di Milano avvenuta il 14 aprile, apre anche a una stabilizzazione dell'incentivo fino al 2020.
    Una richiesta avanzata da tempo dal presidente di Federlegno Arredo, Roberto Snaidero, insieme a quelle di agevolare l’accesso alle giovani coppie, slegandolo dalla ristrutturazione e di prevedere un plafond di spesa di € 10.000, ma cumulato con quello della ristrutturazione (quindi € 96.000 + € 10.000), da suddividere secondo le necessità.
    L'obiettivo è ampliare la platea dei beneficiari.
    Il bonus mobili è stato uno strumento salvifico per il mercato nazionale dell'arredo e per l'economia in generale, in un periodo di forte contrazione.
    Secondo alcune stime, il giro d’affari generato dall’incentivo del bonus mobili è di circa 3,5 miliardi di euro.

    Contattaci per qualsiasi approfondimento!



    30 marzo 2015

    In arrivo il Bonus fiscale per ristrutturare gli hotel

    Sta per diventare operativo il credito di imposta per ristrutturare gli alberghi.
    La Conferenza Unificata si pronuncerà a breve sul Decreto del Ministero dei Beni e delle attività culturali e del Turismo che attua la norma del Decreto ArtBonus.
    L’agevolazione è destinata alle strutture alberghiere esistenti al 1° gennaio 2012, con almeno 7 camere, compresi alberghi, villaggi-albergo, residenze turistiche, alberghi diffusi, condhotel e marina resort.

    Le spese agevolabili sono quelle sostenute per:

  • ristrutturazione edilizia;
  • restauro e risanamento conservativo;
  • riqualificazione energetica;
  • eliminazione delle barriere architettoniche;
  • acquisto di mobili.

    L’agevolazione consiste in un credito di imposta del 30%, fino a un massimo di 200mila euro, delle spese sostenute tra il 1° gennaio 2014 e il 31 dicembre 2016, ed è ripartito in 3 quote annuali di pari importo (utilizzabile esclusivamente in compensazione).
    Il credito di imposta non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali.

    Per ulteriori informazioni, non esitare a contattarci!



    16 febbraio 2015

    Anche Grosio aderisce all'iniziativa "M'illumino di meno!"

    "M’illumino di meno" è la più grande campagna radiofonica di sensibilizzazione sulla razionalizzazione dei consumi energetici, ideata da Caterpillar, storico programma in onda da diciotto anni su Radio 2 RAI.

    L’obiettivo della campagna comunicativa è raccontare best practice in ambito di risparmio energetico da parte di istituzioni, comuni, associazioni, scuole, aziende e singoli cittadini, promuovendo la riflessione sul tema dello spreco di energia, che si può evitare con interventi strutturali, ma anche con semplici accorgimenti che ogni singolo individuo può mettere in pratica.

    Anche Grosio quest'anno ha aderito coinvolgendo i bambini delle Scuole dell'Infanzia e Primaria.
    Tutti, sfilando per le vie del paese con le lampade da loro realizzate con materiale di recupero, hanno invitato i compaesani a spegnare le luci e ad utilizzare meglio l'energia a disposizione.

    Contattaci se vuoi saperne di più su come puoi risparmiare energia!



    15 dicembre 2014

    Obbligo di utilizzare tappi anti-rabbocco e di segnalare gli allergeni presenti nei prodotti

    Dal 25 novembre 2014 è partito l’obbligo per ristoranti, bar e pubblici esercizi di presentare a tavola solo bottiglie d’olio d’oliva vergine ed extra vergine con tappo anti-rabbocco.

    Lo ha stabilito la legge 161/2014 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale che all’articolo 18, comma 1 c) dice: “Gli oli di oliva vergini proposti in confezioni nei pubblici esercizi, fatti salvi gli usi di cucina e di preparazione dei pasti, devono essere presentati in contenitori etichettati conformemente alla normativa vigente, forniti di idoneo dispositivo di chiusura in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata e provvisti di un sistema di protezione che non ne permetta il riutilizzo dopo l’esaurimento del contenuto originale indicato nell’etichetta”.

    La sanzione prevista varia da 1.000 a 8.000 euro, con confisca del prodotto.
    La legge non prevede alcun tempo di adeguamento, neanche per l’esaurimento delle scorte in magazzino.

    Si tratta di una misura presa a difesa della salute dei consumatori: senza il tappo anti-rabbocco infatti è possibile aggiungere nelle bottiglie di olio extra vergine un olio diverso rispetto a quello indicato in etichetta.
    Questo può essere fuorviante e pericoloso per il consumatore che, per allergie o altro, si convince di mangiare qualcosa di diverso da quanto dettagliato nell’etichetta.

    Ricordiamo inoltre che il 13 dicembre è scattato l'obbligo per la ristorazione italiana di informare i propri Clienti, fra cui si nascondono milioni di allergici, con una black-list degli allergeni eventualmente presenti nei prodotti.

    Rimaniamo a disposizione per supportarVi nella revisione del vostro manuale HACCP e per qualsiasi chiarimento.



    11 dicembre 2014

    Ecobonus: sarà più facile accedere alla detrazione fiscale 65%

    A stabilire che non dovrà più essere redatta alcuna notifica per lavori a cavallo d’anno è il dlgs n.175 sulle semplificazioni fiscali, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 277 dello scorso 28 novembre, che ha abrogato l’articolo 29, comma 6 del dl n. 185 del 2009.

    La norma in questione imponeva l’invio di un’apposita comunicazione da parte dei contribuenti che intendessero godere della detrazione 55 o 65 % relativamente a lavori da effettuare oltre il periodo d’imposta.

    Quindi, per i lavori iniziati nel 2014 e che proseguiranno nel 2015, non sarà più necessario trasmettere la suddetta comunicazione per ottenere la detrazione del 65% (prevista fino al 31 dicembre 2015 dal ddl Stabilità, ancora al vaglio del Parlamento).

    Non esitate a contattarci per qualsiasi chiarimento!



    02 dicembre 2014

    Ecobonus: sì al 65% anche per le schermature solari

    Altra importante novità di quest’anno è l’estensione dell’ecobonus 65% alle schermature solari.

    Tra le tipologie di 'schermature solari'agevolabili ci sono:

  • persiane avvolgibili;
  • persiane a battente;
  • persiane alla veneziana;
  • persiana a soffietto a chiusura piatta;
  • persiane a soffietto a pannello scorrevole con o senza sistemi di protezione in avanti;
  • tende da sole;
  • tende a rullo;
  • tende a lamelle orientabili, quali le veneziane ed i frangisole alla veneziana;
  • frangisole a pale, con orientamento orizzontale o verticale, movimentabili con vari sistemi manuali o motorizzati;
  • coperture tessili, di sviluppo recente.

    "La prossima settimana la Legge di Stabilità comincerà il suo iter al Senato, e seguiremo passo dopo passo i lavori: per annunciare il risultato definitivo occorre attendere l'approvazione in entrambi i rami del Parlamento, ma certamente si tratta di un primo passo fondamentale. Il Governo ha accolto positivamente la proposta di ampliare le categorie ammesse all'incentivo al comparto delle schermature solari, e sosterrà questa posizione anche al Senato" - dichiarano i Deputati.

    Seguiteci e Vi faremo sapere!



    01 dicembre 2014

    Ecobonus: arriva l'ok dalla Camera per il 65% per gli interventi di rimozione dell'amianto

    Colpo di scena ieri in sede di approvazione della Legge di Stabilità alla Camera: si tratta del via libera all'incentivo per la bonifica dell’amianto.
    Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente della Camera, ha dichiarato che è un segnale molto importante il via libero dato alla Camera a un Ordine del giorno che chiede al Governo di estendere l’Ecobonus 65% anche agli interventi di rimozione e bonifica dell’amianto dagli edifici esistenti.
    Realacci, riferendosi alla presenza di amianto negli edifici del nostro Paese, ha parlato inoltre di vera e propria “emergenza ambientale” e di grave pericolo per la salute dei cittadini.

    Staremo a vedere e Vi terremo aggiornati!



    01 dicembre 2014

    Al via il voucher "digitale" di 10 mila euro per piccole e medie imprese

    Partono i finanziamenti per la digitalizzazione delle Pmi previsti dal piano "Destinazione Italia".
    Mise e Mef hanno firmato il decreto che consente a micro, piccole e medie imprese di ottenere un voucher fino a 10mila euro per l'acquisto di software, hardware o servizi per l'e-commerce.
    il Decreto stabilisce che i finanziamenti dovranno essere destinati all'acquisto di software, hardware o servizi ICT che consentano il miglioramento dell'efficienza aziendale e la modernizzazione dell'organizzazione del lavoro tale da favorire l'utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità, tra cui il telelavoro.

    Non esitate a contattarci per qualsiasi informazione!



    28 novembre 2014

    Ecobonus: sconosciuto a 5 italiani su 10

    Per risparmiare sulla bolletta, quasi sei italiani su dieci sono pronti a spendere fino a 100 euro l’anno per interventi di efficienza energetica e tre su dieci anche 500 euro.
    Tuttavia, quasi il 54% di noi ignora l’esistenza degli eco-bonus per rendere più efficienti le nostre abitazioni.

    È quanto emerge dal sondaggio “Gli Italiani e l’efficienza” presentato durante il Verona Efficiency Summit.
    Il sondaggio mette in luce la mancanza di informazione sui temi legati all’energia: infatti, meno di un intervistato su due (45,4%) distingue correttamente la differenza fra efficienza e risparmio.
    Inoltre, anche sulle figure professionali cui rivolgersi per interventi di efficienza energetica, gli italiani non hanno molte certezze: solo un 25% pensa ad esperti di efficienza, per il resto, i punti di riferimento restano internet, l’artigiano di fiducia, amici e parenti, i fornitori di luce e gas.

    Vi invitiamo quindi a contattarci per qualsiasi informazione.

    Avrete un preventivo gratuito e senza impegno e tutte le informazioni per decidere se proseguire.



    10 novembre 2014

    Ecobonus: 65% anche per il consolidamento antisismico

    La VIII Commissione Ambiente della Camera ha approvato, all’unanimità, un emendamento alla Legge di Stabilità che conferma, anche per tutto il 2015, l‘utilizzo dell’ecobonus del 65% per gli interventi di messa in sicurezza antisismica a oggi non previsto dalla manovra.
    Il tutto è previsto per chi ha strutture residenziali, ma anche produttive in zona 1 e 2, cioè quelle a maggior rischio di terremoti.
    La nostra area invece, essendo in area a minor rischio, beneficerà soltanto del 50% e solo per gli immobili residenziali.

    Vedremo se in fase di conversione in Legge interverrà qualche modifica per noi più conveniente.

    Vi terremo informati!



    28 ottobre 2014

    Tutti pronti per il corso di Russo!

    In partenza, presso il nostro centro di Formazione, il corso di Russo.

    Vista la sempre più crescente domanda di personale con conoscenza del Russo, in particolare nel settore turistico e commerciale, desideriamo offrire la possibilità di avvicinarsi ad un'affascinante lingua, con l'aiuto di una qualificata docente.

    Crediamo inoltre che comunicare efficacemente con tutti possa essere l’unica vera arma che porta all’integrazione, al rispetto di sé e degli altri.

    Ti aspettiamo!

    Vai alla locandina del corso



    27 ottobre 2014

    Ecobonus e ristrutturazioni: bocciata definitivamente la riduzione dell’Iva al 4%

    Avevamo dato conto l’altro giorno della possibilità del rilancio dell’idea dell’IVA al 4% per i lavori di risparmio energetico e di ristrutturazione edilizia, avanzata dalla Commissione Ambiente della Camera.
    Il provvedimento ha subito però l’ostracismo e il fuoco di sbarramento incrociato di Ragioneria dello Stato e ambienti del Ministero dell’Economia e delle Finanze per mancanza di copertura e per possibile violazione delle norme UE sulle aliquote fiscali.
    A queste opposizioni si è aggiunta anche l’Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili).

    Rimane quindi invariata la situazione attuale:

  • IVA al 10% per i lavori di risparmio energetico e di ristrutturazione edilizia;
  • IVA al 4% per i lavori riguardanti la prima casa

    Per qualunque informazione non esitate a contattarci!



    24 ottobre 2014

    Ecobonus e ristrutturazioni: bocciata la riduzione dell’Iva al 4%

    Dopo la bocciatura da parte della Ragioneria dello Stato e della Commissione Bilancio di numerose misure introdotte dalla Commissione Ambiente, la Camera si esprime sul DDL di conversione del Decreto Sblocca Italia.
    Tra le novità cassate, la riduzione dell’Iva dal 10 al 4% per chi usufruisce dei bonus per le ristrutturazioni e la riqualificazione energetica.

    Ma c'è già chi rilancia l'idea...

    Non ci resta che attendere!



    21 ottobre 2014

    Ecobonus e ristrutturazioni: l'IVA scende al 4%!

    Una vera e propria bomba a larghissimo impatto sull'edilizia privata quella incamerata dalla Legge di conversione del Decreto Sblocca Italia.
    Chi ristruttura il proprio immobile o effettua interventi per migliorarne le prestazioni energetiche, come la sostituzione degli infissi, vedrà infatti scendere l'Iva dal 10 al 4%.

    Questa riduzione sarà compensata da un contemporaneo aumento dell'Iva per le nuove costruzioni prima casa vendute direttamente dalle imprese: dal 4 al 10%.

    Il Decreto si prepara a concludere in maniera molto rapida il suo percorso alla Camera e sembra scontato che il Governo deciderà di blindarne il testo con la fiducia.
    I tempi per la sua approvazione cominciano ad essere molto stretti, dato che la scadenza è fissata per il prossimo 11 novembre...

    Vi terremo aggiornati!



    16 ottobre 2014

    Ecobonus: confermate le aliquote al 50% e 65%!

    Il disegno di Legge varato il 15 ottobre dal Consiglio dei Ministri conferma per tutto il 2015 le aliquote al livello massimo del 50 e 65%, ma dal 1° gennaio 2016 si tornerà bruscamente al 36% (a meno che, ovviamente, fra un anno non ci sia un'altra proroga nella Legge di Stabilità 2016).

    Proroga di un anno anche per il bonus mobili-elettrodomestici: dal 31 dicembre 2014 al 31 dicembre 2015.

    Per quanto riguarda l'ecobonus per gli interventi sulle parti comuni dei condomini, era previsto un periodo di sei mesi in più di aliquota maggiorata (65% fino al 30/06/2015 e 50% fino al 30/06/2016), ma con il Ddl Stabilità del Governo Renzi si cancella invece questa differenza, e dunque l'aliquota sarà al 65% fino al 31 dicembre 2015, come per tutti gli altri immobili. Dal 1° gennaio 2016 poi si tornerà al 36%.

    Per qualunque informazione non esitate a contattarci!



    16 ottobre 2014

    Attenzione alle Certificazioni Energetiche sottocosto

    Sulla scorta di numerose segnalazioni giunte da professionisti ed utenti, sono in corso, da parte di alcuni Ordini Professionali tra cui l'Ordine degli Ingegneri di Trento, degli accertamenti.
    Da tempo infatti si rileva la presenza sul mercato di Certificatori Energetici che rilasciano gli Attestati di Prestazione Energetica (più conosciuti come ACE) con compensi assolutamente inadeguati rispetto a quanto richiede la Legge e contenenti errori macroscopici.

    Questo sistema danneggia, in primo luogo, i cittadini che, fuorviati dal sottocosto e senza conoscere le possibili conseguenze di una certificazione errata in caso di controversie sulla compravendita o locazione dell'immobile, acquistano l'atto.

    Vi invitiamo a prestare attenzione.



    10 ottobre 2014

    Ecobonus: ancora voci positive sulla proroga delle aliquote 50% e 65% nel 2015

    Gli ecobonus per migliorare l’efficienza energetica attraverso le ristrutturazioni edilizie saranno confermati anche per il 2015 e nelle stesse proporzioni di oggi: 50% e 65%. Ad auspicarlo, nel corso di un dibattito al Verona Efficiency Summit, il viceministro dell’Economia Enrico Morando.
    «È giusto, in una fase di difficoltà, confermare questa misura che è stata fra le più efficaci» ha spiegato Morando sottolineando che l’incentivo potrebbe essere mantenuto anche nel 2016 e nel 2017.
    Quanto all’ipotesi di rendere strutturale l’ecobonus, il viceministro non lo ritiene invece opportuno perché questo farebbe venir meno il carattere anticiclico della misura che invece cosi, a tempo determinato, funziona molto bene.

    Da parte sua il presidente dell’Autorità per l'Energia, Guido Bortoni, ha sottolineato che l'intenzione del Governo di rinnovare gli ecobonus va nella direzione di quanto sperato dall’Autorità, ovvero cogliere le occasioni per fare dell’efficienza energetica un volano di sviluppo industriale sostenibile.
    «Servono però ancora sforzi congiunti per raggiungere i target ambientali, ottimizzare la spesa per il fabbisogno energetico e contribuire alla sicurezza energetica», ha concluso Bortoni.

    Vi faremo sapere...



    06 ottobre 2014

    Ecobonus al 65% nel 2015: Lupi punta alla proroga

    Maurizio Lupi, ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, ha assicurato che il bonus per le ristrutturazioni e la riqualificazione energetica delle abitazioni (ecobonus) sarà confermato con la Legge di Stabilità.
    Ha detto Lupi:- Fu il mio Ministero e il sottoscritto a volere con forza lo scorso anno l'aumento del bonus dal 55% al 65% e l'ampliamento alla filiera industriale, compresi i mobili.
    Ci siamo impegnati tutti affinché, nella Legge di Stabilità, questo provvedimento, che è quello che serve all'Italia per uscire dalla crisi e per rimettere in moto la fiducia e i consumi, fosse prorogato.
    Sono certo che nella Legge di Stabilità questo provvedimento ci sarà e si completerà con il decreto Sblocca Italia che mette 4 miliardi di euro.
    Quanto a una eventuale riduzione del bonus, Lupi ha sottolineato che nella Legge di Stabilità 2014 è previsto che nel 2015 il bonus si abbassi dal 65 al 50%, ma «se interveniamo (per la conferma al 65%) lo facciamo perché questo provvedimento è uno dei pochi che ha funzionato».
    Lupi ha tenuto a ricordare l'effetto provocato da questo provvedimento che ha messo in moto 29-30 miliardi, «quindi in un momento in cui dobbiamo drammaticamente crescere, credo ci sarà la proroga di questo provvedimento».

    Vi terremo aggiornati!



    03 ottobre 2014

    EXPO LIVIGNO 2014: GRAZIE!

    Ringraziamo tutti coloro che hanno visitato il nostro stand ad Expo Livigno.
    Segnaliamo che, da metà ottobre, verrà pubblicizzata la manifestazione su TSN al canale 601 di Sky.

    Per maggiori informazioni, consultate il palinsesto dell'emittente



    25 settembre 2014

    EXPO LIVIGNO 2014: ti aspettiamo al nostro stand!

    Si terrà in Plaza Placheda, dall'1 al 3 ottobre 2014 dalle ore 9.30 alle 18.30, Livigno Expo 2014 che avrà come obiettivo quello di stimolare il confronto e puntare sulla formazione, sulla crescita professionale e l’interscambio in materia di prodotti e servizi dedicati all’ospitalità alberghiera e al turismo.
    Saremo presenti con uno stand aperto a tutti: i nostri professionisti ed esperti ti illustreranno i Servizi che offriamo e ti proporranno metodi adatti alle tue esigenze.

    Ti aspettiamo presso lo stand n.52! L'ingresso è libero

    E ricorda... da noi chi sceglie sei TU!

    Per maggiori informazioni vai al sito della manifestazione



    15 settembre 2014

    Il Decreto Sblocca-Italia è in Gazzetta Ufficiale

    Ecco le novità a seguito della pubblicazione in Gazzetta del decreto Sblocca Italia in tema di efficienza energetica:

  • chi acquista, dal I gennaio 2014 al 31 dicembre 2017, case nuove o ristrutturate, in classe energetica A o B, e le affitta a canone concordato per almeno 8 anni, ha diritto ad una deduzione dall’Irpef del 20% del prezzo di acquisto o delle spese di realizzazione fino ad un massimo di spesa di 300mila euro, da ripartire in otto rate annuali;
  • rinviata alla Legge di Stabilità la proroga per il 2015 delle detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni e del 65% per la riqualificazione energetica degli edifici e la riduzione del rischio sismico, in scadenza al 31 dicembre 2014;
  • annunciato, ma mai entrato nelle bozze di decreto, il Regolamento Edilizio Unico che avrebbe dovuto uniformare questo documento in tutti gli 8.000 Comuni italiani. Alcuni giorni fa il Ministro alle Infrastrutture e trasporti, Maurizio Lupi ha assicurato che “se non potrà essere introdotto nello Sblocca Italia, in fase di conversione arriverà con un altro provvedimento”;
  • saltano anche gli incentivi fiscali alla rottamazione e permuta di immobili a bassa prestazione energetica.
    La nuova bozza non contiene l’articolo che prevedeva sconti sulle imposte e detrazioni fiscali per le abitazioni (non di lusso) energivore vendute, riqualificate in modo tale da diventare più virtuose (classe energetica A o B), e acquistate da un nuovo soggetto.

    Continueremo a tenervi aggiornati!



    01 settembre 2014

    Allo sprint finale il Decreto Sblocca-Italia

    Per quanto riguarda la riqualificazione energetica, la bozza prevede una detrazione del 50%, con un tetto di spesa di 40.000 euro. Gli interventi - si legge nel testo - possono essere realizzati anche senza opere edilizie, acquisendo la documentazione attestante il conseguimento di risparmi energetici.
    Queste misure dovranno però essere confermate dal Governo.
    Nessun cenno finora alla detrazione per le ristrutturazioni, che potrebbe essere affrontata nella Legge di Stabilità.
    Comunque, è da più fonti ribadito, che rimane confermata la vecchia Legge che portava nel 2015 la detrazione fiscale al 40%, ma con un tetto di spesa sempre di 96 mila euro.
    A partire dal 2016, il bonus tornerà all’aliquota ordinaria del 36% e il tetto di spesa scenderà a 48 mila euro.
    Nella Legge di Stabilità potrebbe rientrare il 50%, ma almeno il 40% sembra certo.

    Una proposta interessante è il bonus fiscale per chi acquista nuove case e le affitta a canone concordato per almeno 8 anni: si pensa ad una deduzione del 20% del prezzo di acquisto fino ad un massimo di 200mila euro.

    Altra novità, per ora contenuta nella bozza provvisoria del decreto, è la rottamazione di immobili a bassa prestazione energetica.
    Chi vende abitazioni energivore a società che le ristrutturino facendole diventare più virtuose (classe energetica A o B), pagherà imposta di registro, ipotecaria e catastale in misura fissa.
    Lo stesso beneficio vale in caso di permuta di case non di lusso per l’acquisto da imprese di costruzione di fabbricati nuovi o ristrutturati.

    Vi terremo aggiornati!



    25 agosto 2014

    Decreto Sblocca-Italia: stabilizzazione dell'ecobonus 50% e 65%?

    I collaboratori di Renzi stanno lavorando, con i ministeri delle Infrastrutture e dell'Economia, al Decreto Sblocca-Italia che vedrà la luce il 29 agosto.

    In attesa di capire se anche il bonus del 50% per le ristrutturazioni semplici andrà verso la riconferma nel 2015 (misura che per ora il governo non ha considerato), sulla riconferma del più generale incentivo energetico del 65% sembra prevalere, per ora, la linea di Palazzo Chigi, ispirata dal presidente della commissione Ambiente della Camera, Ermete Realacci, renziano della prima ora: confermare solo questo incentivo e non anche il 50% sulle ristrutturazioni semplici.
    Una linea di politica selettiva, che comprenderebbe – altro "pallino" di Realacci – le agevolazioni a robusti investimenti di prevenzione sismica, ma escluderebbe i generici lavori in casa.
    In questo modo, risulterebbe massima la convenienza a spostare risorse, anche nella ristrutturazione della propria abitazione, esclusivamente verso interventi che abbiano come primo obiettivo il risparmio energetico.

    Di diversa idea il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, che ha già proposto a Palazzo Chigi anche la riconferma agli attuali livelli dello sgravio del 50% che, viceversa, sarebbe destinato a scendere al 40%, come da Legge di Stabilità 2014.

    Vi faremo sapere!



    11 agosto 2014

    La nuova APP che salva la vita!

    E' disponibile la nuova APP 112 di AREU!
    In caso di emergenza, ti basta premere sull'icona per essere localizzato in tempo reale.

    Non aspettare! Scaricala subito sul tuo cellulare!

    Clicca qui per saperne di più



    04 agosto 2014

    Decreto Sblocca-Italia: dal 2015 stabilizzazione dell’Ecobonus

    Il decreto, dopo una consultazione pubblica, sarà varato a fine agosto.

    Stabilizzare l’Ecobonus dal 2015, far ripartire i cantieri fermi e avviare da subito programmi per la rigenerazione urbana e contro il dissesto idrogeologico sono alcuni degli obiettivi del Decreto Sblocca Italia, presentato in conferenza stampa dal Presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

    Vi terremo aggiornati!



    14 luglio 2014

    E' l'ora dell'ART BONUS

    Il Decreto Cultura oltrepassa il primo presidio procedurale verso la conversione in legge: è infatti giunto l’ok della Camera dei Deputati al testo di legge che, tra le altre cose, introduce nel nostro Paese il meccanismo dell’ArtBonus.

    Il provvedimento non ha pertanto incontrato ostilità evidenti e il Parlamento ha migliorato ed arricchito la portata delle norme del Decreto.

    Tra le novità inserite in questo passaggio procedurale si rilevano:
  • Bonus Mobili fruibile anche dalle strutture alberghiere
  • Deroghe per assunzioni di giovani nei luoghi di cultura
  • “Tax Credit” per la ristrutturazione delle piccole sale cinematografiche per il 2015 e il 2016

    Tutti questi interventi potranno beneficiare di un credito d’imposta del 30% sui costi sostenuti per restauro ed adeguamento tecnologico.

    Ma l’innovazione più importante in merito al procedimento di conversione del Decreto Legge 31/5/2014 n. 83 è senz’altro quella inerente all’ampliamento del credito d’imposta del 65% (ArtBonus) anche nei confronti di quelle donazioni che vengono rivolte verso concessionari o affidatari di beni culturali pubblici, finalizzate alla conservazione o manutenzione del patrimonio turistico-culturale-artistico del Paese.

    A questo riguardo, il Ministero aprirà un portale al fine di tenere traccia delle donazioni effettuate e dell’avanzamento dei lavori finanziati.

    Per qualunque informazione non esitare a contattarci!



    08 luglio 2014

    Respinta dal Governo la stabilizzazione dell’ecobonus 65%

    Via libera definitivo del Consiglio dei Ministri di ieri al decreto legislativo di recepimento della Direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica.
    Il provvedimento, approvato in via preliminare dal Governo nell’aprile scorso, è stato sottoposto all’esame della Conferenza Unificata e delle commissioni parlamentari, che hanno proposto diverse modifiche al testo, alcune delle quali non sono però state accolte.
    Non è infatti passata la messa a regime delle detrazioni fiscali per l’efficienza energetica (ecobonus 65%), richiesta dalle Commissioni parlamentari: ‘Sebbene siano auspicabili - si legge nella relazione -, necessitano di una più adeguata valutazione delle coperture e una più ampia ridefinizione del perimetro degli interventi al fine di razionalizzare la spesa pubblica”.
    Si tratta di una richiesta ribadita in ogni occasione dal Parlamento e da tutti gli operatori della filiera delle costruzioni, che renderebbe finalmente stabile il quadro normativo facilitando gli investimenti nel settore delle ristrutturazioni, l’unico che negli ultimi anni è cresciuto, consentendo all’edilizia di reggere alla crisi.

    Vi terremo aggiornati...



    07 luglio 2014

    Libretto di impianto: scadenza prorogata al 15 ottobre

    Slitta il termine per adeguarsi alle nuove disposizioni su manutenzione e ispezione degli impianti termici degli edifici.
    Il Ministro dello Sviluppo Economico ha firmato il decreto che fissa al 15 ottobre 2014 la scadenza entro la quale il libretto di impianto per la climatizzazione e il rapporto di controllo di efficienza energetica sugli impianti termici di climatizzazione invernale ed estiva siano conformi ai modelli di cui al dm 10 febbraio 2014.
    Il 15 ottobre 2014, pertanto, è la data a partire dalla quale si deve provvedere alla sostituzione o alla compilazione del nuovo libretto.
    La sostituzione può avvenire in occasione dei controlli periodici di efficienza energetica previsti dal dpr 74/2013 o di interventi su chiamata per guasti o malfunzionamenti.
    Fino al 15 ottobre 2014 nelle operazioni di controllo o negli interventi sopra richiamati e nelle nuove installazioni possono essere utilizzati sia i nuovi che i vecchi modelli di libretto.

    Rimaniamo a disposizione per ulteriori informazioni.



    05 giugno 2014

    Tutti pronti per l’English Camp!

    Anche quest’anno è arrivato il momento tanto atteso dai bambini.
    Vi aspettiamo entusiasti e pieni di voglia di fare il giro del mondo!
    Il ritrovo è per il 16 giugno alle h 9.00 presso la scuola Primaria di Grosio in Piazzale Rinaldi.
    Ricordatevi di portare un ombrellino, il k-way e, se lo gradite, una merenda per la pausa di metà mattina.
    Il divertimento e l’allegria sono assicurati e non mancheranno neanche durante il pranzo…Scarica il Menu

    Go!Go!Gooo!



    27 maggio 2014

    Il Bonus Mobili si svincola dal prezzo della ristrutturazione

    Con la fiducia e il via libera definitivo della Camera, diventa legge il DL casa, che pone fine al tira e molla sulle detrazioni fiscali.
    La detrazione del 50% sarà riconosciuta su tutto l’importo speso per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici efficienti, anche nel caso in cui gli arredi costino più dell’intervento di ristrutturazione.



    22 maggio 2014

    Bonus mobili, il Senato dà l’ok agli incentivi del 50%

    Approvato dal Senato il Piano Casa con il provvedimento che svincola le agevolazioni fiscali su arredi ed elettrodomestici dal costo complessivo delle ristrutturazioni Si potrà ottenere l’agevolazione quindi anche se l’importo dei lavori è inferiore a quello dei beni acquistati.
    Salta anche il tetto dei 10 mila euro cui applicare lo sconto del 50%.
    Il testo del decreto passa ora alla Camera dei deputati per il via libero definitivo che deve avvenire entro il 27 maggio, pena la decadenza.
    Il Piano Casa contiene misure “per l'emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015”.
    Anche gli Istituti autonomi case popolari (Iacp) potranno infatti accedere agli incentivi.
    La copertura per questa misura (25 milioni di euro tra 2015 e 2017) sarà ottenuta da una ulteriore tassazione dei sistemi di riscaldamento a energie non rinnovabili.
    Le unità immobiliari interessate da questo provvedimento saranno censite dalle Regioni sulla base di elenchi predisposti dai Comuni e dagli stessi Iacp.

    Vi faremo sapere!



    19 maggio 2014

    Decreto efficienza energetica: chiesto di stabilizzare l’Ecobonus

    Prorogare e rimodulare gli incentivi fiscali sugli interventi di riqualificazione energetica degli edifici ed elevare i livelli di risparmio energetico che dovrebbero essere conseguiti dalla Pubblica Amministrazione.
    Sono queste, a grandi linee, le richieste per massimizzare le potenzialità del decreto che recepisce la Direttiva 2012/27/UE ed evitare di sprecare un’occasione importante per il rilancio dell’edilizia, formalizzate dall’Associazione nazionale costruttori edili (Ance), Confindustria e Rete Imprese Italia durante un’audizione in Commissione Attività Produttive della Camera.



    16 maggio 2014

    Il futuro delle detrazioni

    Questo il futuro della detrazione:
  • 50% delle spese sostenute (bonifici effettuati) dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2014, con un limite massimo di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare
  • 40% delle spese che saranno sostenute nell’anno 2015, sempre con il limite massimo di 96.000 euro per unità immobiliare
  • 36% con il limite di 48.000 euro per unità immobiliare, delle somme che saranno spese dal 1° gennaio 2016

    In aggiunta, fino al 31/12/2014, rimane anche il “Bonus Mobili”.

    L'ultima novità introdotta, con il decreto sul Piano Casa approvato dal Senato (deve ora passare dalla Camera, entro il 27 maggio, per non decadere) riguarda proprio le detrazioni per l'acquisto di arredi per l'immobile ristrutturato.
    Per il bonus mobili salta il vincolo legato all'importo dei lavori effettuati: sarà quindi possibile effettuare acquisti a prescindere dai soldi spesi per i lavori di ristrutturazione.
    A condizione però che l'importo della spesa non superi i 10.000 euro per immobile.



    18 aprile 2014

    Bonus Mobili: in arrivo la stabilizzazione fino al 2020

    Il Governo Renzi sta lavorando alacremente per rendere strutturale il bonus relativo agli arredi in connessione ovviamente con le detrazioni sulle ristrutturazioni edilizie.
    Quello di cui si discute in questi giorni sembrerebbe vertere sull’obiettivo di ampliare il periodo di applicazione del Bonus Mobili fino al 2020.

    Vi terremo informati!



    08 aprile 2014

    La sfida dell'efficienza energetica: un volano per la ripartenza del Paese

    Lo schema del decreto di recepimento della direttiva europea 2012/27 UE approvato il 4 aprile scorso introduce un set di nuove misure finalizzate a promuovere l’efficienza energetica nella pubblica amministrazione centrale, nell’edilizia pubblica e privata, nei processi produttivi, nei sistemi di produzione, trasmissione e distribuzione di energia e nel settore domestico, per conseguire l’obiettivo di riduzione dei consumi di energia al 2020 già fissato dalla Strategia energetica nazionale.

    “La sfida dell’efficienza energetica – ha sottolineato il Ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti - può rappresentare un volano per la ripartenza del Paese perché innescherà lavoro nell’ambito della Green Economy.
    Otterremo così un rilevante risparmio sia ambientale, in termini di minori emissioni di gas serra e polveri sottili, che economico grazie al minore consumo di energia".

    "Il Governo mette a disposizione quasi 800 milioni di euro dal 2014 al 2020 per promuovere l’efficienza energetica - precisa il Ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi- e sono inoltre previste iniziative che mirano ad accrescere la consapevolezza dei consumi energetici tra le famiglie”.



    21 marzo 2014

    Willy Fog ti aspetta...

    Ciao bambini!

    Sono aperte le preiscrizioni all'English Camp 2014 organizzato da noi in collaborazione con "Lingue Senza Frontiere".
    Due i periodi proposti: dal 16 giugno al 27 giugno e dal 30 giugno all'11 luglio.
    E' prevista la possibilità di scegliere fra pranzo al sacco e pranzo al ristorante.
    Filo conduttore del campo sarà Willy Fog, il protagonista a cartoni animati de "Il giro del mondo in 80 giorni" di Jules Verne.
    L'iniziativa si svolgerà presso la Scuola Elementare di Grosio e l'occasione è gradita per ringraziare il Comune di Grosio e l'Istituto Comprensivo Visconti Venosta per la concessione degli spazi.

    Vi aspettiamo!

    Clicca qui per visitare la pagina dedicata all'evento



    03 marzo 2014

    Agevolazioni fiscali: in arrivo gli incentivi stabili

    Il Governo adotterà un decreto per introdurre una serie di agevolazioni fiscali che incentivino gli interventi di adeguamento degli immobili alla normativa in materia di sicurezza e di riqualificazione energetica e architettonica rendendo stabile il sistema di incentivazione che si è finora basato su misure a tempo determinato prorogate di anno in anno.

    Al momento, infatti, le riqualificazioni energetiche e le ristrutturazioni sono incentivate rispettivamente con una detrazione fiscale del 65% e del 50%.
    Il livello di queste aliquote resterà tale fino al 31 dicembre 2014 e poi scenderà nel 2015 rispettivamente al 50% e 40%, mentre tornerà al 36% a partire dal 2016.
    Grande soddisfazione a riguardo è stata espressa dagl